TermoliOnLine - Portale di informazione su Termoli e Basso Molise. Commercio, Servizi, Turismo.

Costruire Democrazia: "l'Amministrazione nega alla cittadinanza risposte chiare"

Più informazioni su

CAMPOBASSO. Nella seduta di consiglio comunale di oggi, lunedì 25 ottobre, il gruppo consiliare di Costruire democrazia al Comune di Campobasso ha presentato due ordini del giorno: il primo relativo alla sentenza del Consiglio di Stato in merito all’Ecomostro di via Scardocchia al fine di ottemperare alla sentenza del giudice; il secondo relativo ai dati diffusi dall’Istituto di ricerca Ambiente Italia che vede Campobasso scivolare al settantesimo posto nella classifica dei capoluoghi di Provincia basando la graduatoria su temi e parametri inerenti la vivibilità dell’area urbana.
Il primo ordine del giorno chiedeva, nell’esclusivo interesse dei cittadini, di chiarire quale fosse la posizione di questa amministrazione in merito alla sentenza del Consiglio di Stato. L’odg non è stato neppure ammesso alla discussione e questo la dice lunga sulle risposte chiare e concrete che il Sindaco e l’amministrazione comunale intendano dare alla cittadinanza. Noi di Costruire democrazia, al prossimo consiglio comunale utile, ritorneremo sul tema con una mozione affinché si faccia chiarezza in via definitiva sulla questione.
Riguardo al secondo ordine del giorno presentato, Costruire democrazia intendeva fare chiarezza su una vicenda che faceva precipitare la città di Campobasso di ben 31 posizione nella classifica di Legambiente. Tale dato, stando alle dichiarazioni del Sindaco, era dovuto alla mancanza di trasmissione di dati completi da parte della dirigenza comunale. Con questo odg Costruire democrazia intendeva sollecitare la struttura a trasmettere i dati utili all’Istituto di ricerca Ambiente Italia al fine di fornire ai cittadini un quadro completato e dettagliato sulla reale situazione di vivibilità urbana della nostra città. Allo stesso tempo, e a prescindere dalla reale situazione di classifica, noi di Costruire democrazia, con questo ordine del giorno, chiedevamo all’amministrazione di istituire un tavolo tecnico con associazioni di quartiere, associazioni ambientaliste e rappresentanti politici al fine di tutelare e promuovere il patrimonio storico, artistico, monumentale e paesaggistico della nostra città. Anche in questo caso, l’odg non è stato neanche ammesso alla discussione perché l’amministrazione ha ritenuto che l’intervento fosse soltanto polemico e poco costruttivo per la cittadinanza.

V/Pet

Più informazioni su