Estate sicura 2017, il bilancio del comando provinciale dei Carabinieri di Isernia

Cronaca
Termoli sabato 23 settembre 2017
di Emanuele Bracone
Più informazioni su
Estate sicura 2017, il bilancio del comando provinciale dei Carabinieri di Isernia
Estate sicura 2017, il bilancio del comando provinciale dei Carabinieri di Isernia © n.c.

ISERNIA. Si è conclusa l’operazione “Estate sicura” che è stata predisposta dai Carabinieri del Comando Provinciale di Isernia ad iniziare dal mese di giugno e protrattasi per tutto il periodo estivo. I militari delle Stazioni e dei Nuclei Operativi e Radiomobile delle Compagnie Carabinieri di Isernia, Venafro ed Agnone, in collaborazione con personale del Nucleo Investigativo Provinciale e dei Reparti speciali operanti sul territorio, hanno eseguito ventiquattro arresti, trecento denunce in stato di libertà, identificate circa diecimila persone e controllato oltre dodicimila veicoli. L’obiettivo principale è stato quello di contrastare ogni forma di criminalità e di illegalità, e più in generale garantire la tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica, aderendo alle direttive ricevute in sede di appositi Comitati presieduti dal Prefetto di Isernia Dr. Fernando Guida. Tra le operazioni principali ricordiamo quella del 4 giugno, con l’arresto di un latitante di origine rumena, ricercato in campo internazionale per gravi reati; quella del 28 giugno con l’arresto di una infermiera ritenuta responsabile di omicidio aggravato ai danni di un anziano paziente; il giorno successivo l’arresto di una coppia di pregiudicati specializzata nelle truffe ai danni di anziani; il 4 luglio l’arresto di un 55enne a Frosolone, per tentato omicidio nei confronti del fratello, colpito alle spalle con un’ascia; il 22 luglio l’arresto su mandato di cattura di un esponente di spicco del clan dei “casalesi” che si trovava ai domiciliari a Rionero Sannitico; il 25 luglio la consegna alla Soprintendenza Archeologica di due anfore romane di epoca imperiale, di valore inestimabile, recuperate a Venafro nel corso di un’operazione di tutela del patrimonio culturale nazionale; il 1° agosto la denuncia per inquinamento ambientale di un imprenditore agricolo che sversava illecitamente liquami derivanti dall’attività produttiva della propria azienda, direttamente nel fiume Carpino; il 5 agosto l’arresto del “corriere” dei “pusher” molisani, catturato a Macchiagodena durante un posto di blocco mentre trasportava un ingente quantitativo di cocaina; il 7 agosto successivo la scoperta ad Isernia da parte dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di un finto centro massaggi dove veniva esercitata attività di prostituzione da parte di giovani ragazze straniere; infine l’ultima operazione, forse la più rilevante, che nei giorni scorsi ha portato all’arresto di una banda di malviventi che si era resa responsabile di rapina a mano armata nell’abitazione di un noto professionista di Isernia.