E' il momento dell'accoglienza: primo giorno di scuola a Termoli

Cultura
Termoli martedì 12 settembre 2017
di Michele Trombetta
Più informazioni su
E' il momento dell'accoglienza: primo giorno di scuola a Termoli
E' il momento dell'accoglienza: primo giorno di scuola a Termoli © n.c.
TERMOLI. Oggi per il Molise è suonata la campanella del primo giorno di scuola. TermoliOnLine nei giorni scorsi ha registrato i saluti e gli auguri ai nuovi studenti nelle varie scuole di ogni ordine e grado da parte dei dirigenti e dell’assessore all’Istruzione. Oggi ci siamo recati in alcune scuole per documentare il primo giorno di scuola scegliendo di fermarci in una che valeva per tutte, quella di via Maratona, perché per la cerimonia di benvenuto agli alunni della prima elementare è stata invitata una onorevole della Repubblica Italiana, termolese, Laura Venittelli, che assieme al preside Pierluigi Pranzitelli ha portato parole di accoglienza. La stessa deputata, vedendo quei bambini così piccoli, ha avuto un flashback e con un filo di commozione ha detto: «Mi sono commossa perché vedendo questi bimbi mi sono ricordata di quando in questa scuola ho frequentato delle lezioni e dopo di me, anche le mie figlie». Poi vedendo una bimba che piangendo non voleva entrare, con amore materno, l'ha presa per mano e l'ha accompagnata dentro la scuola. Il dirigente Pranzitelli ha rassicurato i bimbi timorosi, ma anche e soprattutto i genitori molto più ansiosi dei loro figlioli, e ha letto le parole di saluto al mondo della scuola da parte del dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale, Anna Paola Sabatini, che parla tra le altre cose delle ‘criticità da affrontare che restano tante’ aggiungendo che la parola d’ordine dovrebbe essere “innovazione”. “Con l’anno scolastico 2017/2018 siamo alla terza annualità di attuazione della legge sulla “Buona Scuola”. Le criticità da affrontare restano tante, ma questa legge ha avuto sicuramente il merito di riportare i temi della scuola italiana al centro del dibattito nazionale. Nel momento dell'accoglienza ci sono stati anche dei passaggi musicali eseguiti dagli alunni delle quinte classi che hanno eseguito il famoso brano dei Pink Floyd, "Another brick in the wall" e l'inno di Mameli e subito dopo solo per i nuovi arrivati nella sala ricreativa della scuola è stato organizzato anche uno spettacolino con un prestigiatore, insomma un accoglienza dolcissima che ha centrato il segno: i bambini hanno così superato l'impatto del primo giorno di scuola che comincia a far diventare loro grandi. Prima di via Maratona, abbiamo fatto un salto nella scuola "Oddo Bernacchia", dove la preside Matilde Tartaglia ha accolto i ragazzi delle classi di prima media ricordando loro che da oggi comincia una scuola molto più impegnativa e che ogni attimo che viene perso sia nello studio, che nel non rispetto della puntualità degli orari scolastici e della frequentazione delle lezioni, vanno a discapito degli alunni che non stanno al passo, perché la scuola e i programmi vanno avanti e chi non riesce a seguirli rimane indietro. Anche la scuola elementare Principe di Piemonte con la dirigente Rosanna Scrascia ha preparato una cerimonia di benvenuto molto simpatica all'aperto con canti e musica, mentre negli istituti superiori vi sono state cerimonie più regolari con i saluti dei dirigenti ai nuovi alunni e le immancabili raccomandazioni perché queste scuole, alla fine del quinto anno, aprono definitivamente alla vita da adulto e disegnano un futuro che sarà la colonna portante di tutta una vita prossima a venire... Buon anno scolastico a tutti i docenti, studenti e personale Ata di tutte le scuole da parte della nostra redazione.