Ritagli web alterati per sabotare la scuola, a Termoli sabato lezioni regolari

Editoriale
Termoli venerdì 06 ottobre 2017
di Emanuele Bracone
Più informazioni su
Ritagli web alterati per sabotare la scuola, a Termoli sabato lezioni regolari
Ritagli web alterati per sabotare la scuola, a Termoli sabato lezioni regolari © n.c.
TERMOLI. Vigliacchi, fedifraghi e sobillatori. Usiamo questi tre termini per definire coloro che in modo ignobile giocano con la professionalità altrui e soprattutto gettando confusione nel mondo scolastico e istituzionale. Stanno circolando delle foto, una sorta di screenshot veicolati via whatsapp e altri canali, attraverso cui si diffonde la notizia, falsa, questa sì vera fake news, che sabato 7 ottobre non si vada a scuola a causa del maltempo, con una ordinanza del sindaco Sbrocca. Una condotta da irresponsabili che speriamo venga perseguita e noi di Termolionline faremo la nostra parte, poiché è davvero assurdo divulgare simili bestialità. Nel ritaglio fotografico che ci è pervenuto si evince chiaramente come la notizia alterata, traviata, è quella relativa al 20 gennaio, come si riporta nella url che contiene l’indirizzo web della nostra testata, mentre il testo indica la data del 7 ottobre. Un sabotaggio autentico, che con questo articolo snidiamo, anche se l’ufficio stampa del Comune di Termoli è stato costretto a inviare un comunicato con queste parole: “In merito alla notizia apparsa su alcune testate web nella quale si riporta che il sindaco di Termoli ha firmato un'ordinanza di sospensione delle attività didattiche per la giornata di domani, si smentisce categoricamente. Si tratta di una falsa notizia poiché le condizioni meteo a Termoli non sono tali da giustificare l'interruzione delle attività didattiche. Pertanto domani sabato 7 ottobre 2017 in tutte le scuole della città le lezioni si terranno regolarmente”. Allora, sabato si va a scuola, perché come cantava il grande Pino Daniele è domenica che non ci si va. Al bando, dietro la lavagna (che volentieri romperemmo loro in testa) gli autori di questo scherzo del kaiser.