Forza Italia: da Visciano e Pescara parte il nuovo corso di Tajani

Patriciello: “Con lui il partito può risalire la china”

Flash News
Termoli mercoledì 11 luglio 2018
di La Redazione
Tajani e Patriciello
Tajani e Patriciello © Iserniaweb

VENAFRO. «Sono convinto che l’unità dei moderati sia ancora l’obiettivo verso il quale tendere per ridare slancio e fiducia al nostro elettorato. Un’unità che non sia, però, la semplice somma degli interessi elettorali del momento ma, piuttosto, il manifesto comune di una nuova idea per l’Italia.

Il nuovo incarico conferito a Tajani è un’ottima notizia per tutti, l’occasione giusta per riflettere e discutere di questi temi”.

Così Aldo Patriciello, eurodeputato forzista e membro del gruppo Ppe al Parlamento europeo, alla vigilia della tre giorni che lo vedrà impegnato – tra Lazio, Campania e Abruzzo – al fianco del collega Antonio Tajani, Presidente del Parlamento europeo e collega di partito.

“Oltre ad essere un caro amico e collega di partito – ha detto Patriciello - Tajani è un politico attento e preparato.

La sua ascesa alla vicepresidenza di Forza Italia è un atto di grande lungimiranza politica da parte del Presidente Berlusconi”.

Una serie di incontri politici, quelli in programma in questi giorni, per discutere con i militanti e colleghi di partito del nuovo corso di Forza Italia voluto da Silvio Berlusconi. Ma non solo.

Sul tavolo anche i rapporti con gli alleati del centrodestra, l’economia, il lavoro, il Mezzogiorno e, ovviamente, la posizione dell’Italia all’interno dell’Unione Europea. Patriciello e Tajani saranno a Roma, presso la sede italiana del Parlamento europeo, giovedì mattina. Un incontro per programmare la kermesse annuale di Fiuggi “L’Italia e l’Europa che vogliamo”.

Venerdì e sabato, invece, spazio agli appuntamenti di partito, rispettivamente a Visciano (Napoli), per il convegno “Le proposte dei giovani per un’Europa delle idee”, e Pescara, dove alla presenza di tutti i big del partito si terranno gli stati generali di Forza Italia in Abruzzo.

Forza Italia – spiega Patriciello - deve recuperare il suo spirito iniziale e tornare a lavorare nell’esclusivo interesse di tutto il partito, amalgamando in maniera sinergica e costruttiva le varie anime che la compongono. È necessario che ognuno offra il proprio contributo per costruire una casa comune in cui tutti si possano riconoscere negli stessi valori”.

È chiaro però – spiega l’eurodeputato azzurro - che occorre recuperare la nostra capacità di far confluire nel partito le migliori energie, così da rendere Forza Italia un laboratorio politico in grado di interpretare al meglio la grande spinta riformatrice e liberale che costituisce il DNA del popolo dei moderati.

Da questo punto di vista, le idee messe in campo in questi giorni da Tajani sono la base ideale da cui ripartire. E Sono perfettamente d’accordo con lui, quando dice che il futuro del centrodestra e di Fi non può essere racchiuso in un discorso sulla leadership o sulle alleanze. Siamo tutti militanti.

Prima vengono le idee, poi tutto il resto".