"Siete pronti a cambiare idea sulla politica?", Marone è pronto per guidare il Molise

Politica
Termoli giovedì 08 marzo 2018
di La Redazione
Più informazioni su
Michele Marone
Michele Marone © TermoliOnLine

TERMOLI. Dall'analisi del voto delle ultime politiche alle prossime elezioni regionali del 22 aprile: questo il tema della conferenza stampa indetta per questa mattina da Michele Marone.

Il candidato Governatore del Molise ha rimarcato come il voto del 4 marzo ha lanciato un messaggio chiaro di bisogno di cambiamento da parte sia della cittadinanza molisana che del popolo italiano, soprattutto del centro-sud.

Uno tsunami che era stato già previsto da diverso tempo anche in Molise: non solo un voto "di protesta" , ma un voto contro il Sistema che fino ad oggi ha governato la regione Molise e l'Italia intera.

Di fronte ad una simile situazione, Marone con Energie per l'Italia, Azione Civica Molise e Mam, come aggregazione popolare e liberale aperta a tutte le forze politiche interessate a condividere questo progetto, vogliono contrapporre, a questo partito della protesta che ha avuto un risultato schiacciante nelle ultime elezioni, una forza di responsabilità che deve rappresentare un gruppo di persone nuove, con programmi nuovi atti a trovare una soluzione dei problemi e una nuova proposta politica che vada incontro alle esigenze dei cittadini molisani.

Questo sistema, invece, fino ad oggi ha ridotto sul lastrico il popolo molisano, con il lavoro che scarseggia, i giovani costretti ad emigrare, ecc.

In tre anni e mezzo di lavoro ed ascolto, Energie per l’Italia è stato il primo gruppo a proporre un programma di governo con cinque punti sostanziali, messo a disposizione della cittadinanza e anche di tutte le forze politiche che vogliono condividerlo e integrarlo e con cui magari potersi candidare alla guida della nostra Regione.

Per quanto riguarda la figura del candidato di centrodestra al governo del Molise, Enzo Di Giacomo, Marone ritiene che per rigenerare la politica, non ci si possa affidare ad un funzionario dello Stato che appartiene alla magistratura perché in questo caso fallirebbe sia la politica, ma anche la democrazia stessa.

Deve esserci il sacrificio di nuove persone, di politici che vogliono portare avanti un programma chiaro per mettere in campo un'azione politica e amministrativa che vada incontro alle esigenze della gente: lavoro per i giovani, innovazione dell'agricoltura, piano straordinario per le infrastrutture, messa in sicurezza delle strade, intervento strutturale della sanità per garantire il diritto alla salute e l'efficienza delle strutture pubbliche.

Non da meno, una risorsa fondamentale per l'azione amministrativa del Molise, secondo Marone e il suo partito, sono le politiche sul turismo, oggetto soltanto di meri annunci negli ultimi anni: la nostra Regione ha bisogno di essere promossa in tutta l'Italia e a livello internazionale e questo si può fare attraverso un progetto specifico e chiaro illustrato già dall'Azione Civica.

Il coordinatore molisano di Energie per l’Italia ha concluso l'incontro ribadendo l'invito a tutte le altre forze civiche che vogliono condividere questo progetto per fronteggiare il partito della protesta.

Il Molise, secondo Marone, non ha bisogno di protesta, ma di cambiamento, di "fare qualcosa di sacro" per il raggiungimento del bene comune.

Ecco la conferenza integrale proposta in diretta Facebook da Termolionline:

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Pierluigi btacone ha scritto il 08 marzo 2018 alle 19:18 :

    Tutti coloro che falliscono nella professione si riversano nella politica. Tanti auguri governatori Rispondi a Pierluigi btacone