Ruta e Ulivo 2.0 allontanano l’inciucio: “Noi alternativi al centrodestra”

Il leader della coalizione, in corsa per Palazzo Vitale, chiude al centrodestra e rilancia in vista delle prossime elezioni regionali

Politica
Termoli giovedì 08 marzo 2018
di La Redazione
Più informazioni su
Roberto Ruta e gli esponenti di Ulivo 2.0
Roberto Ruta e gli esponenti di Ulivo 2.0 © Campobassoweb

CAMPOBASSO. Spazio per il dialogo, non per le larghe intese. Identità e voglia di rinnovamento nelle parole di Roberto Ruta, leader scelto dall’assemblea dei mille alla guida di Ulivo 2.0 come candidato governatore della Regione Molise:

“Oggi siamo qui come collettivo e come squadra. È un noi che si candida, mai un io. Noi insieme ci candidiamo per cambiare il destino del Molise. È l’unica motivazione, l’unica ragione è l’unica volontà precisa che abbiamo – ha detto il senatore uscente nel corso della conferenza tenuta questa mattina all’hotel Rinascimento - Siamo aperti al confronto programmatico e pronti a mettere in atto i sei punti che di fronte ai mille e trecento abbiamo delineato. Questa è la nostra bussola, il nostro modo di andare avanti”.

Contrariamente alle voci circolate nelle ultime ore, che vedevano profilarsi all’orizzonte l’ipotesi di un largo fronte per contrastare il dominio del Movimento 5 Stelle, il senatore uscente ammette: “Noi siamo alternativi al centrodestra, non siamo contro i cinque stelle. Siamo alternativi a quelli che nel centrosinistra vogliono fare politiche di centrodestra”.

Nel corso del suo intervento, Ruta ha rivolto un augurio particolare a tutte le donne, ringraziando inoltre coloro che, lo scorso venticinque febbraio, hanno acclamato la sua nomina a presidente della Regione per Ulivo 2.0, nella cornice della palestra Sturzo di Campobasso: “Innanzitutto ringraziamo i mille e trecento che sono intervenuti in una giornata di freddo e di gelo – ha detto - È stata una manifestazione che io non ricordo nell’ultimo decennio in Molise senza la presenza di un leader nazionale”.

Il leader di Ulivo 2.0 ha poi inaugurato una nuova lista generazionale, la quinta presentata, rivolta ai giovani, spiegando anche la scelta del nome, ‘30 e lode’: “Ci abbiamo pensato molto se farla, però abbiamo deciso che è l’unica maniera con cui abbiamo, in caso di vittoria, la certezza che almeno due saranno intorno ai trent’anni. La lode è la lode che noi diamo a quella generazione che per noi in alcun modo è la generazione dei bamboccioni, anzi, tutt’altro. È una generazione che nasce in un tempo difficile di grande evoluzione”.

L’auspicio, come ha precisato lo stesso Ruta, è quello di incoraggiare i giovani ad impegnarsi civilmente a disposizione del bene del paese. Per questo motivo, è stata creata un’apposita email alla quale gli interessati potranno inviare, entro lunedì sera alle venti, la loro proposta: “I ragazzi che vogliono leggere le nostre attività programmatiche e si ritrovano in quei principi – spiega il senatore - possono inviare la loro disponibilità. Il giorno seguente, con tutti i soci fondatori ci riuniremo per verificarle e discuterne. Sono ragazzi che non devono avere per forza il massimo dei voti in qualcosa, ma che voglio impegnarsi civilmente per dare il proprio contributo nella più alta assise legislativa di questa regione, nell’organo istituzionale di massima rappresentanza, dove si fanno le leggi e si approvano gli orientamenti per cambiare il destino del Molise”.

Roberto Ruta ha asserito che la candidatura della coalizione alle votazioni regionali, previste il prossimo ventidue aprile, è orientata alla nomina di volti nuovi: “Vogliamo garantire che in caso di vittoria il novanta percento degli eletti siano persone che non sono state in consiglio regionale. Noi vogliamo garantire un rinnovamento pari al novanta percento”.

A conclusione il Senatore Ruta ha rivolto i suoi auguri all’unico parlamentare eletto di centrosinistra, Giuseppina Occhionero, quinto parlamentare per il Molise con il partito di Pietro Grasso, Liberi e Uguali, che ha così condiviso le idee del partito: “Io credo che da qui si possa ripartire per creare qualcosa di diverso insieme ad una squadra giovani. Mi piace molto l’idea della lista 30 e lode, perché richiede il senso civico dei ragazzi che vorranno partecipare a questo meraviglioso progetto che merita di per sé la lode”.“L’impegno mio e della squadra – ha concluso Giuseppina Occhionero – è quello di portare la nostra freschezza per un rinnovamento vero, facendo sempre riferimento a chi ha già seguito questo percorso prima di noi”.