"Deluso da come mi hanno descritto, ma ora vi dico io come stanno le cose"

Calcio
Termoli sabato 10 febbraio 2018
di La Redazione
Più informazioni su
Marco Castelluccio
Marco Castelluccio © TermoliOnLine

TERMOLI. Arriva tempestiva la risposta dell'asd Città di Termoli, per voce di Marco Castelluccio.

"La società non ha un debito, solo i 2 mesi arretrati che saranno dati quando prima. Voglio ricordare a tutti, che io sono venuto a Termoli a giugno per dare una mano contribuendo con 40-50 mila euro, insieme ad altre 2 persone che non faccio nome ma che già facevano parte della società. Ad ottobre sono rimasto da solo e, da giugno ad oggi, da solo ho messo soldi, senza prendere nemmeno 1 euro di sponsor, solo soldi miei e i ragazzi lo sanno. Loro hanno pienamente ragione e li devo solo ringraziare per quello che stanno facendo. Ero al corrente del comunicato ma non credevo che usassero parole come "millantatore" e "lucrare" parole da aula di tribunale. Avrei potuto abbandonare la nave ad ottobre quando sono rimasto solo e dove avevo già cacciato oltre 30 mila euro di tasca mia, invece essendo un amante del calcio, da solo ho continuato e sto continuando. Ad oggi ho raggiunto una quota di 60 mila euro e non ho mai ricevuto un solo euro di sponsor.

I ragazzi si sono dimenticati di dire che è vero che avanzano i mesi di dicembre e gennaio nel numero di 5 calciatori e il mese di novembre è stato pagato per il 75%, quindi rimangono poche centinaia di euro per 5/6 persone e prima di fine mese sarà saldato novembre e pagato dicembre.

I ragazzi però non fanno sapere alla gente e alla città di termoli che la società oltre al pagamento degli stipendi non ha debiti e che dal mese di luglio 8 ragazzi a vitto e alloggio mangiano a pranzo e a cena al ristorante, casa pagata, utenze pagate e anche oggi continueranno a mangiare al ristorante per una sola spesa mensile tra vitto e alloggio di 3.600 euro sempre tutto regolarmente pagato, pullman per trasferte sempre pagati, pranzo pre-gara sempre pagato, fisioterapie rimborsate a tutti.

Quindi mi ritengo più che offeso dal comunicato non per gli stipendi ma per come mi hanno descritto pubblicamente agli occhi della città di Termoli. Ribadisco per l'ennesima volta che io non lascerò il Termoli. Cercherò sempre di migliorare stando sempre solo e senza aiuto di nessuno.Voglio fare presente che non sono mai scappato davanti ai problemi e alle difficoltà e che sto tutti i giorni al campo insieme ai ragazzi".

Lascia il tuo commento
commenti