Facciolla: «Tolti due anestesisti al San Timoteo, situazione gravissima»

Attualità
sabato 17 aprile 2021
di La Redazione
Vittorino Facciolla
Vittorino Facciolla © Personale

TERMOLI. Si allarga la polemica politica sull'ospedale San Timoteo: «La situazione all'ospedale San Timoteo di Termoli è gravissima. Florenzano e Scafarto hanno firmato un ordine di Servizio che, di fatto, sposta due medici anestesisti da Termoli a Campobasso lasciandone al San Timoteo solo 6 (mentre al Cardarelli di Campobasso ce ne sono 7 e al Veneziale di Isernia addirittura 10)».

Lo afferma il segretario regionale dem, Vittorino Facciolla.

«Questo fa sì che nel nosocomio adriatico non saranno più garantite le funzioni di doppia guardia, problema serissimo dato che il San Timoteo ha anche il punto nascita quindi, se una partoriente avrà bisogno di un cesareo d'urgenza potrebbero non esserci anestesisti a disposizione per l'intervento.

Tutto questo all'indomani dell'inaugurazione in pompa magna del modulo aggiuntivo di terapia intensiva da parte di Toma e Florenzano.

Sorrisi e promesse ieri mentre già sapevano che oggi avrebbero dato il colpo di grazia al San Timoteo prendendo in giro i termolesi e tutti i bassomolisani.

Considerando che un altro medico anestesista ha chiesto le dimissioni e andrà via a giugno, se non sarà rimpiazzato velocemente, allora sarà palese l'intento di Toma e Florenzano di smantellare il San Timoteo, di demolirlo pezzo dopo pezzo come già sta accadendo.

Chiediamo al nuovo Direttore Sanitario Serafini e ai medici anestesisti di proteggere il nostro ospedale, di farsi sentire con i vertici Asrem, di non accettare l'ennesimo scempio e l'ennesimo schiaffo dato alla dignità dei Basso Molisani che hanno diritto alla Salute esattamente così come tutti gli altri.

Noi ci siamo e ci saremo sempre dalla dalla parte dei nostri medici e del nostro ospedale e se il provvedimento non dovesse essere revocato, denunceremo la vicenda in ogni sede».

 

Le più commentate
Le più lette