Termoli omaggia Pietro Mennea: murales dedicato alla Freccia del Sud

Attualità
venerdì 30 luglio 2021
di La Redazione
Più informazioni su
Il record del mondo di Mennea
Il record del mondo di Mennea © https://pickline.it

TERMOLI. Ricorreva il 29 e 30 marzo 2015, quando Rai Uno trasmise la fiction su Pietro (Paolo) Mennea, svelando ai più, a chi non lo sapesse, che la prima vera gara vinta dalla Freccia del Sud fu proprio allo stadio Cannarsa di Termoli.

Ci fu subito una positiva reazione popolare, aggettivo che oggi purtroppo usiamo per identificare altro… tanto che venne chiesto di intitolare il lungomare Nord o la terrazza di via Foce dell’Angelo al campione olimpico di Mosca.

Sono trascorsi diversi anni, 6 e mezzo quasi, ma qualcosa si muove, finalmente, per onorare la memoria di uno dei più grandi atleti che l’Italia abbia avuto e che mosse i primi passi qui a Termoli, quando indirizzò la sua carriera che lo portò a essere anche primatista mondiale (all’epoca i campionati mondiali non erano ancora stati ideati, lo furono dal 1983 in avanti).

Nelle due puntate la parola Termoli venne rievocata spesso, poiché da una gara organizzata dal Corriere dello Sport, le finali nazionali del trofeo Peroni, nacque l'escalation sportiva e agonistica che portò Mennea a diventare primatista del mondo dei 200 metri piani e campione italiano, europeo e olimpico.

A prendere in mano le redini della memoria storica è l’amministrazione comunale di Termoli, facendo leva sul regolamento per la realizzazione di murales su spazi pubblici e privati nel territorio comunale, adottato nell’ottobre 2016.

Proprio in virtù del fatto che il Comune di Termoli promuove nell’ambito del proprio territorio nuove forme di arte che contribuiscono alla riqualificazione degli spazi pubblici e privati anche abbandonati o in evidente stato di degrado e considerato che l’amministrazione comunale intende omaggiare l’atleta Pietro Mennea che nel 1968 fece a Termoli la sua prima competizione nazionale, di apertura alla sua lunga e importante carriera sportiva attraverso un’opera murale individuando quale area da riqualificare la facciata dell’edificio Iacp sito in via dello Stadio.

Resta da incassare ora solo il parere favorevole dello Iacp.