Calcio, disparità di trattamento per gli atleti ‘Festìna’: continua la protesta

Attualità
venerdì 24 settembre 2021
di Alberta Zulli
Più informazioni su
Calcio, il sit-in di protesta a Guglionesi contro la disparità di trattamento per gli atleti della ‘Festìna’
Calcio, il sit-in di protesta a Guglionesi contro la disparità di trattamento per gli atleti della ‘Festìna’ © TermoliOnLine

GUGLIONESI. Si è tenuto giovedì 23 settembre nella villa Comunale di Guglionesi, il sit-in dell’associazione Festìna Lente Usconium per esternare il proprio dissenso sulle scelte del tecnico comunale e dell’assessore allo sport nel riservare trattamenti discriminatori sull’assegnazione degli orari per l’utilizzo degli impianti sportivi.

Si sono ritrovati a Castellara il presidente dell’associazione sportiva, Gabriele Di Cienzo e tutti i suoi allievi. Tra un calcio al pallone e una parata, i bambini hanno passato circa tre ore a divertirsi, cosa che potrebbero fare tranquillamente nello stadio comunale “Nicolino Cianci”.

La protesta ha avuto lo scopo ben preciso di illustrare la disparità di trattamento tra l’associazione Festìna Lente e l’Asd Real Guglionesi.

Alla Festìna Lente è stato assegnato un solo giorno di allenamento a settimana, in uno spazio idoneo alla categoria, quali “Esordienti combinata con Giovanissimi” e un secondo giorno in uno spazio non all’attività svolta, sia per dimensioni, sia per struttura, mentre viceversa, vengono assegnate alla compagine concorrente, due giornate, come “normalmente dovrebbe avvenire, per le categorie in oggetto in uno spazio idoneo. La scelta da parte degli organi comunali di non svolgere dovute e idonee indagini sulle continue vessazioni che i nostri tesserati subiscono a scuola e in piazza e denunciato con una querela verso ignoti in tempi non remoti, attualmente manifestata con frasi del tipo - non avete il campo per allenarvi perché non siete degni di averlo - e argomenti del genere che sfociano in continui sfottò”.

Problematiche che, secondo il presidente Di Cienzo, sono scaturite dai comportamenti del tecnico e dell’assessore allo sport di Guglionesi.

“Bisognerebbe distribuire con il principio della par condicio l’area a disposizione a favore di tutte le realtà presenti sul territorio. Vengono accettate solo le richieste dell’altra società, così come l’open day. Giornata che, noi, avevamo già in programma e non abbiamo mai recuperato. La risposta è stata sempre che non si poteva recuperare in quanto il campo era occupata dall’altra società”.

Attendono risposte, “occuperanno” la villa Comunale fin quando non verrà loro assegnato il campo di allenamento idoneo alla categoria o fin quando non si farà chiarezza sulle motivazioni che spingono tecnico comunale e assessore, a perpetuare nel tempo azioni e scelte che causano tali situazioni.

Di seguito il video dell’intervista del tecnico Gabriele Di Cienzo.