La passione per le moto non ha fine... né epoca: la "Brescia-Napoli" fa tappa a Termoli

Attualità
domenica 26 settembre 2021
di La Redazione
Più informazioni su
La
La "Brescia-Napoli" fa tappa a Termoli © Termolionline

TERMOLI. 52 moto d'epoca, 2 sidecar e due auto, questa la composizione della carovana che a gruppetti, vista la natura competitiva della manifestazione, è giunta ieri sera, tra le 18.20 e le 18.35 in piazza Sant'Antonio per l'arrivo di tappa della Brescia-Napoli.

Tutti i veicoli a due ruote sono stati poi posizionati su tappetini e hanno permesso a centinaia di persone di ammirare i bolidi, la passione per i cavalli di ferro è sempre molto accesa.

Quest’anno la sesta edizione della  Brescia-Napoli , manifestazione motociclistica in moto d’epoca promossa con il patrocinio principalmente dei Comuni di Brescia e di Napoli e rientrante nelle manifestazioni riconosciute da Fmi, ha fatto tappa anche a Termoli.

L’evento è stato patrocinato dal Comune di Termoli, assessorato allo Sport, Cultura e Turismo, che ha deciso di sostenere la manifestazione giunta quest’anno alla sua sesta edizione. Un viaggio a due ruote per far riscoprire arte, natura e paesaggi in sella a moto che hanno fatto la storia e che vantano ancora molti sostenitori ed appassionati.

Un progetto voluto per valorizzare il territorio italiano, le culture locali e per dare lustro ad una passione che non ha confini.

Dedicata agli appassionati di moto d’epoca, ma anche a chi ha voglia di vivere una nuova avventura in sella alla motocicletta per scoprire l’Italia e le sue meraviglie, in un viaggio lento e appassionante, che ha fatto della sicurezza sulla strada il suo cavallo di battaglia. L’iniziativa è organizzata da Old4You e dallo showroom 39Vantini Oldstyle con la sponsorizzazione della  casa d’orologi svizzera Paul Picot e dell’agenzia per il lavoro Openjobmetis Spa.

La sesta edizione della  “corsa” ha preso il via il 22 settembre con la serata inaugurale a Brescia, per concludersi oggi con l’arrivo a Napoli.

E’  un viaggio/una gara a squadre, dove non vince il singolo ma il gruppo. La squadra accumula punti iniziali alla sfilata inaugurale e ottiene punti rispettando i punti di controllo, scattando fotografie e transitando in luoghi indicati come “bonus paesaggistico”. I partecipanti sono stati 52, divisi in 13 squadre e a bordo di motociclette che vanno dagli anni 1930 della Guzzi Sport 14 agli anni 1977; seguiti ovviamente dallo staff e assistenza.

Il percorso come al solito è libero e, salvo il rispetto di pochi punti di transito, la squadra decide autonomamente dove fermarsi e quando fermarsi. 

Il percorso è una novità perché, a differenza delle scorse edizione, quest’anno le moto sono scese al Sud, direzione Napoli passando dalla costa adriatica toccando Ravenna, Recanati e Termoli. Le novità di questa sesta edizione riguardano il percorso, il “bonus paesaggistico” e  il progetto più significativo “Down on the road”: 2 sidecar a bordo dei quali 2 ragazzi con sindrome di Down per ogni tappa del viaggio.

Due ragazzi dell’Associazione Centro Bresciano Down (Cbd) per arrivare fino a fine tappa a Ravenna, poi altre due tappe, dove hanno incontrato i compagni di viaggio del giorno successivo a cui lasciare uno zaino da trasportare (con all’interno un libro e alcune loro lettere) come una sorta di testimone.

L’equipaggio, proveniente da Recanati è giunto a Termoli per ripartire alle 7.30 insieme a due ragazzi dell’Aipd di Campobasso.

Al seguito anche i genitori con auto che possono aiutare i ragazzi in caso di necessità. Il messaggio sociale è che tutti, e quindi anche i ragazzi con sindrome di Down, o ragazzi con altre disabilità, possono salire su una motocicletta, su un aereo biposto (evento già realizzato), etc. e che, nel limite delle proprie capacità e competenze, possono provare emozioni che a volte sembrano irraggiungibili. Messaggio sociale che è stato accolto anche da Openjobmetis Spa e Invicta, che hanno creato proprio per l’occasione gli zaini che i ragazzi si passeranno lungo le tappe.

L’arrivo a Napoli è previsto dalle 16 alle 17 in piazza del  Plebiscito.        

Noi abbiamo intervistato una delle tre organizzatrici, Elisa Auguadra, che assieme a Rossella Gaburri e Paolo Anni porta avanti la manifestazione, ideata da Mario Gaburri e Paolo Pezzotti.