Lavoratori in stato di agitazione alla Rieco Sud

La protesta sab 15 gennaio
Attualità di La Redazione
1min
Lavoratori in stato di agitazione alla Rieco Sud ©Termolionline
Lavoratori in stato di agitazione alla Rieco Sud ©Termolionline

TERMOLI. Se la partita sul rinnovo contrattuale nazionale si è indirizzata sui giusti binari, così non è per la vertenza locale, dove le segreterie di categoria, di concerto con la Rsu aziendale della Rieco Sud, hanno dichiarato lo stato di agitazione a Termoli nel settore dell’igiene urbana.

Parliamo delle sigle Fisascat-Cisl, Uiltucs e Fiadel Molise, rappresentate tra i lavoratori.

Partita una richiesta di incontro per avviare le procedure di raffreddamento e conciliazione sui lavoratori dipendenti della società Rieco Sud Scarl, «Gli addetti ai servizi di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani per conto del Comune di Termoli, sono costretti ad evidenziare una situazione che sta rendendo di fatto estremamente gravoso il loro quotidiano operato. Ebbene, già come evidenziato nella nostra missiva del 17.11.2021, la Rieco Sud S.c.a.r.l. pone in essere atteggiamenti antisindacali, violazione die diritti die lavoratori, intimidazione agli stessi che sfociano in contestazioni sanzionate solo ed esclusivamente con sospensione dal servizio e dalla retribuzione. A questo si aggiunga personale effettivo sotto organico, utilizzo del personale in somministrazione superiore alle percentuali previste dal Ccnl applicato, tutti con carichi di lavoro molto gravosi, con gli stessi operatori che per poter portare a termine il servizio non operano in sicurezza».

Nella formale richiesta di confronto viene anche sottolineata la «Violazione del protocollo anticontagio Covid in situazioni di positività certificate tra le maestranze in appalto».

Per questo, la rappresentanza sindacale: «Tanto premesso, nel chiedere che non vengono ulteriormente perpetuate le suddette azioni, proclamano lo stato di agitazione, ai sensi dell'art. 2, comma 2 della L. 146/90 e successive modifiche ed integrazioni, chiedono formalmente un incontro di raffreddamento e conciliazione con la vostra direzione aziendale, da svolgersi al più presto e comunque non oltre 7 (sette) giorni dalla presente. Resta inteso sin da ora che, previo esperimento delle dovute procedure interne e presso le sedi competenti, ed in caso di esito negativo delle stesse, i lavoratori e le scriventi organizzazioni sindacali porranno in essere forme di protesta collettiva».

TermoliOnline.it Testata giornalistica

Reg. Tribunale di Larino N. 02/2007 del 29/08/2007 - Num. iscrizione ROC:30703

Direttore Responsabile: Emanuele Bracone

Editore: MEDIACOMM srl
Via Martiri della Resistenza, 134 - 86039 TERMOLI(CB)
P.Iva 01785180702

© Termolionline.it. 2022 - tutti i diritti riservati.

Realizzato da Studio Weblab

Navigazione