Peste suina africana e cinghiali, Coldiretti: «Accolte gran parte delle nostre richieste»

La soddisfazione sab 06 agosto 2022
Attualità di La Redazione
2min
Aniello Ascolese e Giuseppe Spinelli ©Campobassoweb.it
Aniello Ascolese e Giuseppe Spinelli ©Campobassoweb.it

CAMPOBASSO. Coldiretti Molise accoglie positivamente l’approvazione del Piano per l’eradicazione della Peste Suina Africana (Psa), che sarebbe più corretto chiamare “Peste dei Cinghiali”, adottato dalla Giunta regionale del Molise. Il Piano in questione, prevede, tra l’altro, l’indicazione puntuale delle pratiche per il depopolamento dei cinghiali, da applicarsi, in via preventiva, attraverso l’abbattimento progressivo dei capi. L’ambito territoriale è l’intera regione Molise, “…compresi Parchi, oasi di protezione, territori a caccia programmata nonché aree urbane e periurbane, integrando i Piani di controllo e prelievo già approvati ed in corso di approvazione”.

“La nostra Organizzazione – dichiara il Delegato Confederale di Coldiretti Molise, Giuseppe Spinelli - da anni è stata impegnata a stimolare la Regione affinché mettesse in campo strumentazioni operative di contrasto al proliferare incontrollato dei cinghiali; ebbene tale Piano recepisce la gran parte delle richieste di Coldiretti. Pertanto collaboreremo con gli Enti e le Istituzioni del territorio per assicurare la pronta adozione delle misure previste dallo stesso, invitando tutti i soggetti interessati ad attivarsi per contribuire, in piena sicurezza e nel rispetto delle disposizioni di legge, all’attuazione del Piano di contenimento dei cinghiali per contrastare il rischio di propagazione della malattia nella nostra regione, mettendo in tal modo in sicurezza gli allevamenti suinicoli”.

“Finalmente – continua Spinelli – partiranno nuove, specifiche e straordinarie misure per il depopolamento dei cinghiali attraverso regole omogenee da applicare in tutta la regione per arrivare ad abbattere l’80% dei cinghiali, il cui numero attualmente si aggira intorno alle 35-40.000 unità”. 

Per Aniello Ascolese, Direttore di Coldiretti Molise, “sarà determinante potenziare le attività di contenimento con azioni straordinarie mediante i più moderni strumenti tecnologici che consentono di agire in sicurezza e con grande efficacia, oltre a mettere in campo lo strumento del “selecontrollo”, fortemente voluto da Coldiretti, che ha trovato piena condivisione da parte dell’Assessore all’Agricoltura, Nicola Cavaliere, attraverso cui tutti i proprietari, conduttori di fondi e coadiutori, abilitati attraverso i corsi già svolti, potranno intervenire tutto l’anno all’interno dei propri fondi a tutela delle coltivazioni agricole”.

“E' possibile fare anche dell’altro”, afferma ancora Ascolese, oltre alla selezione ed al selecontrollo: “tra le misure da implementare vi sono, infatti, anche l’installazione di gabbie per la cattura degli animali e l’utilizzo delle tecniche di caccia in braccata e in girata, insieme ad un progetto di valorizzazione delle carni di cinghiale, realizzando a tal fine una vera e propria filiera “molisana”. Coldiretti conclude che “è necessario rendere, nel più breve tempo possibile, operativo tale impianto normativo, per evitare di sprecare altro tempo e dare risposte concrete alle nostre imprese che sono fortemente penalizzate dalla presenza incontrollata della fauna selvatica”.

Ti potrebbero interessare

TermoliOnline.it Testata giornalistica

Reg. Tribunale di Larino N. 02/2007 del 29/08/2007 - Num. iscrizione ROC:30703

Direttore Responsabile: Emanuele Bracone

Editore: MEDIACOMM srl
Via Martiri della Resistenza, 134 - 86039 TERMOLI(CB)
P.Iva 01785180702

© Termolionline.it. 2022 - tutti i diritti riservati.

Realizzato da Studio Weblab

Navigazione