Il termolese Massimiliano Perrella ospite d'onore tra i Campioni Mototurismo 2017

Attualità
Termoli domenica 10 dicembre 2017
di Michele Trombetta
Più informazioni su
Massimiliano Perrella
Massimiliano Perrella © web

Massimiliano Perrella, partito da Termoli il 9 agosto 2011 a bordo della sua moto, è tornato in Italia dopo sei anni di viaggio. Ha percorso 100.000 km lungo trentuno nazioni attraverso: Europa dell’Est, Medio Oriente, Asia, Sudest Asiatico, Australia, Sudamerica (da Ushuaia terra del fuoco Argentina, Brasile, Bolivia, Perù fino a Cartagena Colombia) e Centro Europa prima del suo rientro l’8 luglio 2017. Il suo viaggio è stato seguito sul suo sito internet (www.australiatwin.it) da oltre 100.000 persone, è stato intervistato da radio e riviste, nonché dalla trasmissione "Alle falde del Kilimangiaro" su Rai 3.

Ecco che sabato 9 dicembre, Massimiliano è stato invitato come ospite a presenziare nel Salone d'Onore del Coni a Roma per la premiazione dei Campioni Mototurismo 2017. È questo il caso di dire che forse è stata persa una buona occasione per dare un riconoscimento anche qui a Termoli a questo giovane concittadino, dopo che negli ultimi giorni è stato consegnato il premio "Gente di Mare" ai cittadini meritevoli: nella sua scelta di girare il mondo, Massimiliano non ha mai dimenticato di nominare la sua terra di origine. Uomo dal grande spirito libero, considera il pianeta la sua dimora e il girovagare per conoscere terre, usi e costumi del mondo intero è, per lui, ossigeno puro.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • giovanni casolino ha scritto il 10 dicembre 2017 alle 08:51 :

    Per questa amministrazione è più importane evidenziare una mega colata di cemento e non esaltare le doti personali di coraggio, di scelta di vita ricca di valori sociali ed anche letterari di Massimiliano Perrella!!! Il sindaco e tutta la sua giunta andassero a leggere il diario di viaggio di Massimiliano( diario che poi si è concretizzato anche nella stesura ed edizione di un libro.) !!!!! Rispondi a giovanni casolino