Festa della bellezza, piazza aperta

Attualità
Termoli mercoledì 10 ottobre 2018
di La Redazione
Più informazioni su
Festa della bellezza
Festa della bellezza © Termolionline.it

TERMOLI. Una intera piazza a disposizione del Centro di salute mentale di Termoli per la festa della bellezza.

Perché intitolare l’evento alla “Bellezza”?

Il direttore Angelo Malinconico la spiega così:

«Perché riteniamo che il vivere perseguendo la ricerca della bellezza dovrebbe essere un costante esercizio finalizzato ad allargare il proprio punto di vista; è cercare costantemente dentro e fuori di sé (e coltivare per tutta la vita) l’armonia, che lo sguardo affina solo andando oltre la limitata visione umana razionale e causalistica; è la riscoperta dell’intrinseco significato etico dell’esistenza, finalizzato allo scambio con l’Altro e in ultima analisi alla felicità.

Ma ci ispira anche Kant, quando ci regala della bellezza definizioni di immensa profondità:

In fondo, l’esperienza quotidiana degli operatori della salute mentale e l’attenzione costante e consapevole degli Amministratori locali impegnati con le problematiche sociali, si muovono tra i due poli: bellezza da una parte e brutto, grottesco, perturbante dall’altra. Ma i poli rompono il campo di una idealizzazione pericolosa e astratta, tenendo conto di quanto la tensione verso il bello faccia parte dell’utopia irrinunciabile dello stesso impegno professionale e politico/amministrativo.

Ma anche qualche spunto celebrativo per i 40 anni di vita della Legge “180”. I programmi per la tutela della salute mentale rappresentano una delle poche eccellenze riconosciute all’Italia nel mondo. Un sistema purtroppo non omogeneamente distribuito e non perequatamente finanziato, che comunque conta una vasta e capillare rete di strutture psichiatriche, articolata in 163 Dipartimenti di Salute Mentale, 1460 strutture territoriali, 2284 Strutture residenziali che ospitano oltre 30.000 persone, 899 strutture semiresidenziali, 285 Servizi Psichiatrici di Diagnosi e Cura Ospedalieri. Un sistema che garantisce ogni anno l’assistenza a oltre 800.000 persone, grazie all’impegno e alla dedizione di circa 30.000 operatori, che troppo spesso vengono lasciati soli di fronte a un immane e crescente onere di responsabilità e impegno, talora anche al prezzo di rischi personali.

L'evento, che si giova di numerosissime collaborazioni, del mondo associativo e istituzionale, si è aperta ufficialmente poco prima delle 11, con gli interventi dello stesso Malinconico, del sindaco Sbrocca, del vice sindaco Chimisso, del direttore amministrativo Asrem Forciniti e degli esponenti di maggioranza regionale Niro e Pallante.