Il Vespa club Thermularum al museo Piaggio per i 70 anni della storica due ruote

Attualità
Termoli domenica 10 febbraio 2019
di La Redazione
Premio prestigioso per il Vespa Club termolese
Premio prestigioso per il Vespa Club termolese © TermoliOnline.it

TERMOLI. Sabato 9 febbraio 2019 il Vespa club Thermularum ha ritirato il prestigioso premio dal Vespa Club d'Italia per il campionato Turistico 2018, che ha visto il club termolese arrivare secondo per la regione Abruzzo-Molise. Il campionato turistico è un campionato con varie tappe in Italia in cui i piloti guadagnano punti per ogni chilometro fatto durante l’anno. Il club Thermularum si è piazzato secondo, dietro il Vespa club Sant' Egidio alla vibrata totalizzando 12263,50 chilometri in Vespa, portando il nome della città di Termoli in giro per l'Italia, dalla Toscana alla Calabria.

Il presidente Jerry Carotenuto insieme a tutto il direttivo ha raggiunto il Museo Piaggio di Pontedera e ha ritirato il premio donato dal Vespa Club d'Italia per piloti e club.

Nella città toscana sono stati più di 700 i vespisti arrivati da tutta Italia per festeggiare i 70 anni della storica due ruote nata dall’idea dell’ingegner Corradino D’Ascanio nell’aprile del 1946. Sempre a Pontedera, è stata allestita anche la mostra che ripercorre la storia del prodotto Piaggio più famoso al mondo.

Tutti emozionati i termolesi che in occasione del ritiro del premio dalle mani del segretario del Vespa Club d' Italia, Vittorio Vernazzano hanno invitato gli amici vespisti il prossimo 24 e 25 agosto a Termoli per il consueto raduno che quest' anno si svolgerà in concomitanza con la sagra del Pesce, occasione per far conoscere le tradizioni termolesi e le manifestazioni al di fuori dei confini regionali.

"E’ stato un ottimo risultato del club – ha affermato il presidente Jerry Carotenuto durante la premiazione - sono emozionato e orgoglioso di ritirare questo premio meritato da tutti i soci del club che quest' anno hanno partecipato a numerosi raduni. Siamo pronti a ripartire e a invitare tutti a tornare in sella alla Vespa per conoscere l’Italia".