Fca, Uilm: “Con la 500 elettrica Mirafiori può fare di nuovo la storia"

Attualità
Termoli giovedì 11 luglio 2019
di La Redazione
Fiat 500 elettrica
Fiat 500 elettrica © Today.it

TORINO. “L’inaugurazione della linea della produzione della Fiat 500 elettrica a Mirafiori è un segnale importante che il piano industriale di FCA procede secondo quanto illustrato alle organizzazioni sindacali dall’amministratore delegato Michael Manley a novembre 2018. Dei 5 miliardi complessivi del piano industriale per l’Italia, l’investimento sulla 500 elettrica ammonterà a 700 milioni di euro; la sua produzione, prevista per il secondo trimestre 2020, impiegherà 1.200 persone per una potenzialità di 80.000 veicoli l’anno”. Lo dichiarano Gianluca Ficco, segretario nazionale Uilm responsabile del settore auto, e Dario Basso, segretario generale della Uilm di Torino, dopo aver partecipato a Mirafiori all’evento di inaugurazione del primo robot della nuova linea della Fiat 500 BEV, a cui ha preso parte il COO EMEA Pietro Gorlier.

“Per saturare i quasi cinquemila lavoratori del polo produttivo torinese del lusso, vale a dire delle Carrozzerie di Mirafiori e dell’Agap di Grugliasco, occorreranno - proseguono Ficco e Basso - anche altre iniziative, come il lancio delle versioni hybrid delle Maserati; nondimeno l’avvio della produzione della 500 elettrica rappresenta un evento molto positivo non solo per Torino, ma per tutta l’industria dell’auto italiana, anche perché dimostra che FCA procede sulla via della elettrificazione. Oggi il segmento dell’elettrico è una nicchia, ma nei prossimi anni diverrà secondo tutte le previsioni assolutamente decisivo, di conseguenza elettrificando la sua gamma FCA dimostra di guardare al futuro. Ancora una volta Mirafiori può fare la storia dell’industria automobilistica italiana”.

“Con questa operazione, che segue l’annuncio della Jeep Compass a Melfi, FCA - concludono Ficco e Basso - mostra i muscoli e fa capire che l’interruzione delle trattative di fusione con Renault non ha in alcun modo intaccato la sua strategia”.