Roberti dichiara guerra a vandali e incivili

Attualità
Termoli martedì 13 agosto 2019
di La Redazione
Più informazioni su
Vandali in piazza Sant'Antonio, ecco come hanno ridotto una delle fioriere
Vandali in piazza Sant'Antonio, ecco come hanno ridotto una delle fioriere © Termolionline.it

TERMOLI. Gli ultimi episodi hanno evidentemente colmato il vaso della pazienza e allora il sindaco Francesco Roberti ha emanato oggi una ordinanza contro il vandalismo e gli atteggiamenti incivili, provvedimento finalizzato alla tutela e al miglioramento del decoro urbano.

«La tutela e il miglioramento del decoro urbano (integrità e pulizia delle strade, delle piazze, dei marciapiedi, delle aiuole e/o aree verdi comunali, elementi di arredo urbano, edifici pubblici e privati, giardini, parchi e spazi destinati al verde, monumenti e fontane ed in generale ogni elemento del patrimonio monumentale comunale), rappresenta un obiettivo programmatico cui l’amministrazione comunale di Termoli intende dare una importanza prioritaria; il raggiungimento di tale obiettivo strategico rende necessario intraprendere un’azione di forte contrasto di ogni fenomeno di degrado ambientale connesso all’abbandono di rifiuti in genere, all’imbrattamento delle strade e dei luoghi pubblici, al danneggiamento del patrimonio arboreo e floreale cittadino e di ogni altro comportamento tale da determinare lo scadimento della qualità urbana, a uno stato di degrado degli spazi e delle aree pubbliche, ad una limitazione delle fruibilità delle stesse con riflessi negativi sulla percezione da parte dei cittadini della sicurezza e dell’ordinata convivenza. Considerato che continuano ad essere perpetrati sul territorio comunale atti e situazioni di: vandalismo, teppismo, disturbo alla quiete e all’ordine pubblico; danneggiamenti al patrimonio pubblico e privato che ne impediscono la fruibilità e determinano lo scadimento della qualità urbana; intralcio alla pubblica viabilità; alterazione del decoro urbano e del verde cittadino.

Evidenziato che i predetti atti vengono compiuti con la violenta e voluta rottura, sulle pubbliche vie ed aree verdi comunali destinate anche al gioco dei bambini, di bottiglie e boccali contenenti alcolici, superalcolici e bevande similari; il “bivacco”, l’assembramento e la sosta prolungata in spazi pubblici e privati, nonché presso edifici pubblici (piazze, parcheggi, cortili, scalinate di questo municipio, area castello, borgo antico, scuole, giardini, aiuole); il gioco o l’utilizzo di attrezzi da gioco che possono arrecare danno a persone e cose; il parcheggio di auto e motoveicoli all’interno delle aiuole e delle aree verdi che ne provocano la distruzione del manto erboso, dei cordoli perimetrali nonché delle reti sottotraccia degli impianti elettrici per la pubblica illuminazione e di irrigazione; il soddisfo delle necessità fisiologiche degli avventori nelle arre e spazi pubblici; l’occupazione in qualsiasi modo dei cigli stradali, dei fossi, delle cunette incluso l’apposizione di tabelloni o cartellonistica di vario genere, senza l’acquisizione della autorizzazione e/o nulla osta dal competente ufficio; la possibilità che il detentore e/o affidatario di un animale d’affezione autorizzi lo stesso ad imbrattare viali, giardini, parchi, ingressi condominiali, lampioni senza che questi non vi ponga rimedio nell’immediatezza.

Preso atto che l’attuazione degli atti e dei comportamenti di cui sopra si configurano quali potenziali attività in grado di arrecare danno grave alle persone, al patrimonio pubblico e privato, al verde pubblico determinando finanche la non fruibilità e lo scadimento della qualità urbana;

Vista l’Ordinanza n.132 del 08.05.2013 avente ad oggetto.” Cani in città, sicurezza e decoro urbano”;

Vista l’Ordinanza n.121 del 04.06.2018 avente ad oggetto “Esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande – disposizioni per la tutela del decoro urbano”

Visto l’art. 16 della legge 689/1981 che stabilisce :“Le sanzioni amministrative - pagamento in misura ridotta” così come successivamente modificata ed integrata;

Visto l’art.2 lett. b) del Decreto del 05.08.2008 del Ministero dell’Interno – Incolumità pubblica e sicurezza Urbana - Definizioni e ambiti di applicazione nella parte relativa ai provvedimenti del Sindaco per prevenire e contrastare : “le situazioni in cui si verificano comportamenti quali il danneggiamento al patrimonio pubblico e privato o che ne impediscono la fruibilità e determinano lo scadimento della qualità urbana in cui si verificano comportamenti, quali il danneggiamento al patrimonio pubblico/privato o che ne impediscano la fruibilità e determinano lo scadimento della qualità urbana”;

Ritenuto di dovere adottare un provvedimento idoneo a prevenire e contrastare i fenomeni di degrado sopra descritti; per tutto quanto sopra premesso e considerato,

ORDINA

ferme restando l’applicazione delle sanzioni penali ed amministrative prescritte dalla normativa vigente

IL DIVIETO

su tutto il territorio comunale di:

1.danneggiare, deturpare, imbrattare il suolo pubblico, ogni tipologia di segnaletica, asportare fiori, bulbi e terriccio in questo contenuti, gli arredi, i manufatti presenti all’interno delle aree verdi, distruggere o provocare danni alle attrezzature ludiche presenti all’interno delle aree giochi destinate ai bambini, inquinare il terreno alla base delle essenze arboree o arbustive (alberi e siepi) anche con acque saponate residue da lavaggio pavimenti, sversare nelle caditoie destinate al deflusso delle acque piovane, ogni altro tipo di liquidi residuo di lavaggi e/o altra attività pubblica o privata e di tutte le altre sostanze potenzialmente pericolose per l’incolumità pubblica;

2.utilizzare, sostare, introdurre qualsiasi autoveicolo all’interno delle aree verdi, giardini, parchi, aiuole, isole spartitraffico che provocano il danneggiamento del verde, delle essenze arboree e/o arbustive presenti, degli arredi e di ogni altra attrezzatura e impianti d’irrigazione presenti, nonché di tutte quelle condotte per le quali il trasgressore è tenuto al rimborso dei danni cagionati all’Ente;

3.soddisfare le proprie necessità fisiologiche nelle aree e spazi pubblici.

SI DISPONE

altresì, ai proprietari e/o gestori di tutte le attività commerciali, in particolare quelle destinate alla vendita di prodotti alimentari (Bar, Alimentari, Gelaterie, Pasticcerie, a titolo semplificativo), che si adoperino alla pulizia giornaliera (spazzamento e lavaggio con il solo utilizzo di acqua) a propria cura e spese, delle aree immediatamente prossime alla propria attività.

La violazione prevista dalla presente Ordinanza, salvo che il fatto non costituisca più grave reato, comporta la sanzione amministrativa pecuniaria da € 70 a € 420.