Patto per la salute, Felice: «Positiva l'iniziativa assunta da Toma»

Attualità
sabato 07 dicembre 2019
di La Redazione
Più informazioni su
A destra il presidente Nicola Felice
A destra il presidente Nicola Felice © Termolionline.it

TERMOLI. Nicola Felice, presidente del comitato San Timoteo, opera un’apertura di credito rispetto all’ultima iniziativa in materia sanitaria del Governatore Donato Toma.

«L'iniziativa intrapresa dal Presidente Toma di fare reinserire nella nuova bozza del Patto per la Salute 2019/21 proposto dai Ministeri Salute ed Economia, quanto era già previsto nella bozza precedente del patto nell' art. 16 che prevede la rivisitazione e rimodulazione del famigerato decreto Balduzzi. Oggetto dell'approvazione da parte della conferenza Stato/Regioni, è molto positiva.

Come pure positiva è l'inserimento della richiesta di un dispositivo legislativo che consente di avere in ogniregione un Ospedale con Dea di secondo Livello.

Questa è la principale e vera battaglia da condurre nelle sedi opportune e che dovrà vedere a fianco del Presidente Toma il Consiglio regionale unito, l'intera delegazione parlamentare e quanti possono, direttamente o indirettamente, apportare un fattivo contributo per raggiungere l'obiettivo indispensabile per affrontare e sperare di superare le numerose criticità presenti e avere un migliore servizio sanitario regionale.

Mentre del P.O. 2019/21 di cui attualmente da una bozza che è stata resa nota si conoscono solo le linee generali della programmazione sanitaria ma non i documenti particolareggiati, che è previsto la loro definizione dopo l'approvazione del P.O., tra cui la rete ospedaliera con l'assegnazione dei posti letto alle strutture pubbliche e private, le Unità Operative Complesse, Distrettuali, la medicina territoriale, gli accordi di confini. L'auspicio è che almeno in questa seconda fase possa esserci un sereno e fattivo confronto con i rappresentanti dei vari territori: politici, di categoria, ordini professionali, Associazioni e Comitati civici, e il Commissario, chiunque esso sia».