«Natale da vivere» a Larino: non solo luminarie e presepe vivente

Attualità
Termoli sabato 07 dicembre 2019
di Graziella Vizzarri
Più informazioni su
La conferenza stampa a Larino
La conferenza stampa a Larino © Termolionline.it

LARINO. “Natale da vivere”, un cartellone sfarzoso quello presentato dal Comune di Larino sabato mattina presso il Palazzo Ducale. Una collaborazione sinergica proficua che ha dato vita ad una manifestazione poderosa grazie all’incastrarsi di attività promosse dall’Amministrazione comunale e dalle associazioni locali molto attive, così ha riportato il sindaco Giuseppe Puchetti durante la conferenza stampa: il primo cittadino ha espresso parole di fierezza in merito al risultato ottenuto. Come asserito dall’assessore alla cultura Maria Giovanna Civitella e l’assessore al turismo Alice Vitiello, referenti del progetto “Persefone – Il Meraviglioso ciclo delle stagioni”, siamo riusciti ad arricchire ulteriormente il periodo natalizio di attività che vanno a rispondere alle esigenze di ogni fascia d’età, dai bambini agli adulti.

Sono stati messi in campo, ha continuato l’assessore Civitella, spettacoli per tutti come attività teatrali e musicali, la lirica ed altro, distribuiti nel periodo riportato sul calendario degli eventi del Comune di Larino: una particolarità del cartellone l’animazionecon robot luminoso a led, vaganti, per attrarre i più piccoli. Si è reso possibile quanto messo in campo, hanno riportato gli amministratori, grazie al bando vinto in seno al Patto per lo sviluppo della Regione Molise, area Turismo e Cultura "Molise che incanta" - Turismo è cultura 2019.

Motivo per cui, ha spiegato il sindaco,il cartellone si chiude il 29 dicembre nel rispettare il progetto “Persefone” e dare poi spazio alle numerose attività delle associazioni.

Il cartellone natalizio ha visto la sua apertura lo scorso 6 dicembre con la proiezione del docu-film“Il profumo dei fiori di carta” di Emilio Corbari,tenutosi presso il cinema-teatro Risorgimento per proseguire con l’accensione delle luminariesabato pomeriggio da parte dell’associazione “Larino nel cuore”.

Dal 7 e 8 dicembre fino al 6 gennaio Larino vivrà un’atmosfera di festa immersa nelle magnifiche luminarie “Magia di luce”, manifestazione immensa nel suo genere, destinata ad una crescita maestosa che vede un fermento nella cittadina frentana da oltre due mesi e che, investe numeri importanti di volontari mossi dal forte senso di appartenenza e aggregazione, con la sola ricompensa della soddisfazione della felicità dei più piccoli. “Magia di luce”si fregia anche del patrocinio del Comune di Larino e la Pro loco: una cornice di luci artistiche di grande elevatura che insieme a spettacoli con artisti locali e non solo, oltre ad artisti di strada itineranti arrichiranno il borgo accogliendo altresì mercatini e street food, artigianato e molto altro tra cui l’arrivo di Babbo Natale con la slitta, evento molto atteso dai bambini. Il progetto ha visto anche un contributo di circa euro 15.000 da parte del Comune, oltre al supporto del servizio navetta e bagni chimici. Ma a rendere il tutto ancora più attrattivo ci sarà anche il presepe vivente che a Larino è giunto alla 13sima edizione, nei giorni 26-29 e 6 gennaio l’associazione C.A.R. riporterà in scena con più di 130 figuranti la notte più attesa dell’anno, la natività.

È prevista una grande affluenza per l’intero periodo natalizio, soprattuttoin virtù delle luminarie, evento giunto al terzo anno, che ha un’alta funzione attrattiva turistica: è previsto quest’announ biglietto d’ingresso, quantificato in un biglietto della lotteria con premi, di euro 2,00, la cui estrazione si terrà il prossimo 13 gennaio 2020.

Il biglietto potrà esser utilizzato per tutto il periodo delle luminarie.

Funzionale alla manifestazione il servizio navetta, messo a disposizione con l’intento di snellire il traffico e rendere fruibile l’ingresso al borgo che sarà consentito, con i mezzi,solo ai residenti. Il servizio navetta parte dal Terminal bus e effettuerà fermate presso il Tribunale, Anfiteatro, stazione ferroviaria e via Novelli.

Luci e magia, dunque, ad irrorare una cittadina che vuole distinguersi fregiandosi dalla collaborazione tra Istituzioni ed associazioni che, a loro volta rappresentano quella formazione sociale che opera per il bene comune.