Imbecilli in azione danneggiano l'altalena per disabili, è stata già riparata

Attualità
Termoli sabato 07 dicembre 2019
di La Redazione
Più informazioni su
L'altalena riparata in via Madonna delle Grazie
L'altalena riparata in via Madonna delle Grazie © Termolionline.it

TERMOLI. Sinceramente non ne possiamo più. L'appello a preservare l'altalena per i disabili, fonte di gioia per Jessica, che per la prima volta ha potuto divertirsi anche in carrozzina, si è andato a infrangere contro l'idiozia e la deficienza di persone dal cervello da minus habens.

Il dubbio ci era venuto, lecito e legittimo, ma imbarazzato. Non è che per caso dando così risalto al gioco installato nel nuovo parchetto ecosquare tra via Madonna delle Grazie e via Panama accendiamo i riflettori verso quei teppistelli da strapazzo che passano giornate e nottate a far danni.

Ebbene sì, è accaduto proprio questo. Persone prive di scrupolo e di neuroni hanno danneggiato l'altalena per disabili. Andrebbero presi a calci nel sedere in modo significativo, per il loro assurdo gesto di minare la felicità altrui, di chi cerca di superare disagi quotidiani.

L'area è stata transennata, visto che non era più possibile utilizzarla. Stamani è stata riparata con l'intervento di Ecocontrol e Comune. Invochiamo subito l'accensione di telecamere laddove previste o l'insediamento della video-sorveglianza affinché imbecilli simili vengano puniti a dovere.

In merito è intervenuto Nicola Malorni, presidente della Prima commissione consiliare e dell'ordine degli Psicologi in Molise. «Cari cittadini, l’Ecosquare di Termoli, il parco ecologico dislocato in via Madonna delle grazie, è un bene comune, lo sono i giochi per i bambini e soprattutto lo è l’altalena per bambini e ragazzi con disabilità.

Quella deve essere il bene comune più prezioso perché rappresenta per la nostra comunità un traguardo di civiltà.
Chi, anche solo distrattamente, si è reso responsabile della rottura dell’altalena, ha colpito il nostro senso civico al cuore perché tale incuria, peggio ancora se trattasi di un atto vandalico, è irrispettosa nei confronti dell’intera comunità a cui apparteniamo.

Mi appello perciò al senso civico dei termolesi e di quanti fruiscono del parchetto, fiore all’occhiello della nostra città, invitando in particolare i genitori, così come tutti i cittadini, a farsi garanti della sicurezza di questa importante area anche attraverso la denuncia di atti vandalici o di utilizzi non consoni.
Da parte nostra cercheremo di migliorare la fruibilità del luogo rendendolo più funzionale possibile.

Ma soprattutto esorto gli educatori, genitori e insegnanti, della nostra comunità, maggiori responsabili del rispetto per il bene comune, a far comprendere ai bambini e ai ragazzi, sin da ora, il significato della “bellezza” di quel Parco.

La loro azione educativa quotidiana potrà, infatti, aiutare le Istituzioni a non dover ricorrere a misure di prevenzione e a piani di vigilanza che riteniamo superflui in una comunità bella ed evoluta come quella termolese.