Un riparo notturno ai senza fissa dimora, rinnovata l'accoglienza all'Isola Felice

Attualità
Termoli martedì 14 gennaio 2020
di Emanuele Bracone
Più informazioni su
Una delle camere di Isola Felice
Una delle camere di Isola Felice © TermoliOnLine

TERMOLI. Dopo una impasse burocratica di alcuni mesi, diciamo da settembre a dicembre, è tornato a funzionare a regime il servizio di accoglienza dei senza fissa dimora all’Isola Felice della Misericordia di Termoli, il progetto nato ormai 9 anni fa e fortemente voluto dal Governatore Romeo Faletra e che viene perpetuato per il decimo anno di fila.

Il Comune di Termoli, per il tramite dell’assessorato alle Politiche Sociali , al fine di effettuare prevenzione e riduzione del disagio dei soggetti bisognosi, derivante da inadeguatezza di reddito, difficoltà sociali e condizioni di non autonomia, ha inteso potenziare gli interventi a contrasto della povertà, anche attraverso organismi non lucrativi di utilità sociale e delle organizzazioni di volontariato .

In tale contesto la Confraternita Misericordia con sede in Termoli ha presentato il progetto “Isola Felice” rivolto ai soggetti svantaggiati o senza fissa dimora.

A partire dai primi giorni di gennaio 2020 sono state inseritenella struttura le prime 5 persone bisognose, verso le quali l’amministrazione comunale porge particolare attenzione.

L’assessore Ciciola del settore Politiche Sociali del Comune di Termoli , rispettosa dei principi morali e dell’eguaglianza sociale, cosi come lo è l’amministrazione comunale tutta presieduta dal sindaco Francesco Roberti, tiene aperte costantemente e con solerzia le porte del proprio assessorato, con tutte le misure di cui l’Ente comunale è in grado di rispondere alle esigenze delle persone meno abbienti, dando dignità a tutti senza distinzione di razza, di sesso, di religione o di appartenenza politica, perché la figura dell’uomo, in quanto essere umano, prevale su ogni cosa.

Il progetto risponde ai bisogni immediati, urgenti e a breve termine dei soggetti senza fissa dimora. Le richieste di ricovero presso la Misericordia nel corso del corrente anno, in virtù dell’aumento della popolazione in stato di povertà , sono raddoppiate ed è necessario apportare modifiche ed integrazioni alla convenzione stipulata con la Misericordia di Termoli, in data 19.12.2017, al fine di garantire una flessibilità dei servizi di accoglienza e ospitalità funzionale alle esigenze degli utenti.

Lo scorso 5 dicembre c’è stata un’istanza formata dalle associazioni di volontariato che svolgono attività di aiuto e sostegno con operatori di strada, propongono una accoglienza continuativa presso il dormitorio della Misericordia durante il periodo invernale, in favore dei soggetti senza fissa dimora.

Per questo, sono state apposte delle modifiche al testo della convenzione.

Il Comune di Termoli si impegna a garantire il servizio di accoglienza delle persone senza fissa dimora presso la Misericordia di Termoli nell’ambito delle risorse economiche disponibili". Inoltre, l’accoglienza durante il periodo invernale (dal 21 dicembre al 28 febbraio) considerate le basse temperature, è prevista, per i cittadini italiani e stranieri, maggiorenni, in modo continuativo senza intervalli, in deroga ai periodi regolamentati negli altri periodi dell’anno articolati in 7 giorni con una pausa di tre giorni o fino a 21 giorni continuativi con un intervallo di 10 giorni.

Infine, l’amministrazione si impegna al pagamento di 18mila euro come contributo annuo massimo con verifica periodica (bimestrale) delle effettive presenze, finalizzata a eventuale conguaglio sia a credito che a debito, diretto a finanziare i servizi di accoglienza e ospitalità e i servizi complementari per la tutela dei soggetti svantaggiati . Si impegna , inoltre, al pagamento di una quota mensile di 300 euro quale contributo al servizio di Vigilanza assicurato dalla Misericordia per interventi di sorveglianza al momento dell’ingresso serale.