Altro che giornata senza nuovi contagi in Molise, ne arrivano 16 da Cercemaggiore

Attualità
mercoledì 25 marzo 2020
di Emanuele Bracone
Tamponi
Tamponi © https://www.oglioponews.it/

CAMPOBASSO. L'illusione di trascorrere e mandare in archivio una giornata senza aumento di contagi in Molise, fermi a 73 secondo la tabella riportata dal Ministero della Salute e dal Dipartimento della Protezione civile nazionale, è naufragata sotto l'onda di indiscrezioni apparse nel tardo pomeriggio su alcuni profili Facebook, poi ripresi progressivamente dalla stampa, senza tuttavia che da Asrem e Regione ci fosse una nota ufficiale, nel momento in cui stiamo scrivendo.

Se questo era il metodo per mettere ordine alle falle sulla comunicazione, beh, sarà stato un pesce d'aprile anticipato.

Costretti a darne il crisma dell'ufficiosità, rispetto a una ufficialità che tarda ad arrivare, la paura in Molise fa quasi 90, poiché i contagi assommano a 89, ora. Sedici casi positivi in un solo comune, Cercemaggiore, anzi dentro una sola struttura ricettiva per anziani. Situazione delicatissima che indurrebbe il Governatore Toma a ipotizzare una quinta zona rossa, dopo quelle di Montenero di Bisaccia, Riccia, Pozzilli e Venafro.

In questo desolante annuncio di fine giornata uno spiraglio di luce: «I primi 10 tamponi del Pronto Soccorso del Veneziale processati, tra cui il mio, sono negativi per infezione da coronavirus. Essendo il Pronto Soccorso un luogo sensibile per la popolazione mi sembra giusto comunicarlo», lo afferma sul proprio profilo Facebook almeno in via diretta, il primario Lucio Pastore.