E l'Italia produce mascherine: dalla EmmePi di Termoli componenti per la macchina

Attualità
sabato 23 maggio 2020
di Emanuele Bracone
Più informazioni su
Anche l'Italia produce mascherine: la EmmePi di Termoli fornisce componenti per la macchina
Anche l'Italia produce mascherine: la EmmePi di Termoli fornisce componenti per la macchina © TermoliOnLine

TERMOLI. Meccanica di precisione, una delle eccellenze della tradizione manifatturiera italiana. A Termoli, l'azienda EmmePi, fondata da Mario Muccino, in via delle Acacie, ora condotta dall'amministratore Rino Muccino e i fratelli Claudio e Sergio Muccino, è uno di questi esempi Una impresa di rango familiare, con elevata qualità, con portafoglio internazionale quanto a ordini e commesse, ripartita il 14 aprile dopo il lockdown e inserita ora nella filiera che realizza componenti per l’assemblaggio finale di macchine che producono mascherine. Insomma, un contributo a risolvere un’emergenza nazionale, vero vulnus sofferto nel panorama industriale del Bel Paese.

Lo stesso amministratori Rino Muccino ha tenuto a evidenziare il supporto fondamentale e la volontà dei dipendenti, personale che si è messo a disposizione in un periodo critico e rischioso, per nulla semplice, laddove Covid-19 e pericolo contagi hanno preoccupato tutti. Sono tante le aziende tra Marche, Abruzzo e Molise che realizzano i componenti che poi diventano prodotto finito alla Fameccanica, finita due giorni fa sulle colonne del Sole 24 Ore. «Al lavoro sette giorni su sette, coinvolgendo in media 80 persone, che nei momenti di picco sono diventate quasi 200. Corsa contro il tempo che ha però prodotto un risultato fondamentale: la progettazione di una macchina per produrre mascherine in grado di gestire 800 pezzi al minuto», riferisce il quotidiano di viale dell’Astronomia.

«La più veloce al mondo – spiega il direttore generale di Fameccanica Alessandro Bulfon – in grado di moltiplicare la capacità attuale per dare al Paese la possibilità di gestire l’emergenza». Fameccanica, joint venture nell’automazione e robotica tra gruppo Angelini e P&G, ha iniziato a lavorare al progetto da gennaio, quando l’esperienza cinese (il gruppo dispone di una sede a Shanghai) ha iniziato a porre con forza il tema delle protezioni individuali, con capacità produttive ovunque inadeguate a gestire un’emergenza di portata globale. «Anche se piccoli in dimensioni si può essere grandi in professionalità, passione e tradizione... poi facendo squadra il tutto può diventare virtuoso grazie anche alla EmmePi il Molise c'è.... siamo tra le aziende che stanno producendo le macchine per le mascherine – riferisce Muccino - Tante gocce fanno un oceano.

Questa è la forza che hanno le aziende artigiani grazie alla loro flessibilità rispondono a missioni record. Noisiamo tra le aziende che stanno realizzando il tutto. Credo più che mai che la proposta dei corsi già fatti quelli in essere e quelli futuri da progettare hanno più che mai una reale ricaduta per qualificare nuove professionalità».

Alla mente torna quanto fatto nel 2018, dove decine di persone, ragazzi, hanno appreso un mestiere e trovato sbocchi occupazionali, alzando il livello di competitività del territorio.