Rilanciare il turismo col tour in moto: a Termoli il tandem di "I Love Italy"

Attualità
lunedì 06 luglio 2020
di Emanuele Bracone
Più informazioni su
Tubak, Paffi e Barile
Tubak, Paffi e Barile © Termolionline.it

TERMOLI. Sono arrivati ieri pomeriggio in piazza Duomo per poi ripartire stamani in direzione Marche. Oliver Tubak e Sandro Paffi stanno attraversando la penisola in motocicletta, per portare ovunque un messaggio, anzi due.

I Love Italy con Mototurismo, un progetto di promozione, sviluppo e valorizzazione del territorio italiano attraverso il turismo in moto. Pensato da Mototurismo – il più importante media brand italiano dedicato al turismo in moto – e sviluppato insieme ai motociclisti, le istituzioni, gli enti, le aziende le piccole realtà del territorio. Un supporto concreto al rilancio del turismo in Italia.

Assiomi da coniugare per valorizzare il nostro infinito patrimonio.

Il turismo in Italia ha bisogno di un importante aiuto.

Il mondo delle moto - e i motociclisti in primis - possono fare la loro parte. Il Paese più bello del mondo è a portata di moto, ora più che mai.

«Rilanciamo il nostro Paese con l’aiuto di tutte le realtà turistiche, dagli enti regionali e istituzionali fino alla più piccola realtà locale. Insieme, dopo la calamità della pandemia, per uno scopo nobile che coinvolge noi stessi, il nostro Paese e il nostro futuro».

Un tour partito da Pisa il 2 luglio e che approderà di nuovo nella città “dei Miracoli” l’11, dopo oltre 3.300 chilometri, quasi il percorso di un giro ciclistico.

Come ci ha spiegato Michele Bini, pisano con particolari radici a Termoli, «è un tour itinerante volto alla valorizzazione delle bellezze italiane dopo il Covid. E per dimostrare come un malato di Parkinson (proprio Sandro Paffi), ben allenato e con un po’ di fortuna possa fare cose più che normali. E’ un gesto di speranza, realizzato la sua più grande passione la moto.

Tanto che ha il patrocinio di I Love Italy, progetto creato dalla rivista Mototurismo, la principale italiana sul turismo in moto.

Li abbiamo incontrati assieme all’assessore al Turismo Michele Barile, su contatto fornito dalla Turismol di Paola Palombino, sulle scale del Duomo, cattedrale di stile romanico che non è sfuggita al tandem on the road.