Coronavirus, attivato a Larino il Centro Operativo Comunale per fronteggiare l’emergenza

Attualità
giovedì 24 settembre 2020
di La Redazione
Più informazioni su
Comune di Larino
Comune di Larino © TermoliOnline.it

LARINO. Con decreto sindacale numero 28 del 23 settembre 2020, il sindaco Pino Puchetti ha inteso attivare il C.O.C. (Centro operativo Comunale) con l’obiettivo di assicurare nell’ambito del territorio di Larino la direzione ed il coordinamento dei servizi di soccorso e di assistenza alla popolazione in relazione agli eventi relativi al Covid-19.

Di seguito il testo completo del decreto:

Oggetto: Attivazione del Centro Operativo Comunale (C.O.C. per l'emergenza

Coronavirus- COVID-19.

IL SINDACO

quale Autorità comunale di Protezione Civile, ai sensi dell’art. 12, comma 5 del D.Lgs. 02.01.2018, n.ro 1, come integrato e modificato dal D.Lgs n° 4 del 06.02.2020, e dall’art. 1, comma 1 del D.L., n° 6 del 23.02.2020.

PREMESSO che è in atto nel Paese la diffusione dell’epidemia infettiva denominata “Coronavirus COVID-19”; - il Consiglio dei Ministri, al fine di fronteggiare la suddetta epidemia, in data 29.07.2020 ha prorogato lo “Stato di Emergenza” sino al 15 ottobre 2020;

VISTI:

- il D.L. 23.02.2020, n.ro 6, con il quale si è disposto che le Autorità competenti hanno la facoltà di adottare ulteriori misure di contenimento al fine di prevenire la diffusione del virus;

- i D.P.C.M. del 4 marzo 2020, 8 marzo 2020, 9 marzo 2020, 11 marzo 2020, 22 marzo 2020, 1°aprile, 10 e 26 aprile 2020 concernenti disposizioni attuative del citato decreto-legge n. 6 del 2020, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 13 del 2020, nonché' il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 25 maggio 2020 recante disposizioni attuative del decreto legge 25 marzo 2020, n. 19;

- la Circolare del Dipartimento di Protezione Civile del 05.03.2020, che detta le misure operative per la gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19;

VISTI altresì:

- l’art. 6 del D.Lgs. 02.01.2018, n.ro 1 (Codice della Protezione Civile), in forza del quale le Autorità territoriali di Protezione Civile sono responsabili con riferimento agli ambiti di governo e alle funzioni di competenza e nel rispetto delle vigenti normative in materia:

a. del recepimento degli indirizzi nazionali in materia di Protezione Civile;

b. della promozione, dell’attuazione e del coordinamento delle attività di cui all’art. 2esercitate dalle strutture organizzative di propria competenza;

c. della destinazione delle risorse finanziarie finalizzate allo svolgimento delle attività di protezione civile, in coerenza con le esigenze di effettività delle funzioni da esercitare, come disciplinate nella pianificazione di cui all’art. 18;

d. dell’articolazione delle strutture organizzative preposte all’esercizio delle funzioni di protezione civile e dell’attribuzione, alle medesime strutture, di personale adeguato e munito di specifiche professionalità, anche con riferimento alle attività di presidio delle sale operative, della rete dei centri funzionali nonché allo svolgimento delle attività dei presidi territoriali;

e. della disciplina di procedure e modalità di organizzazione dell’azione amministrativa delle strutture e degli enti afferenti alle rispettive amministrazioni, peculiari e semplificate al fine di assicurarne la prontezza operativa e di risposta in occasione o in vista degli eventi di cui all’art. 2 del Codice;

- l’art. 12, comma 5, del D.Lgs. 1/2018 (Codice) secondo il quale il Sindaco, in coerenza con quanto previsto dal D.Lgs. 18.08.2000, n.ro 267 (T.U.E.L.) e ss.mm.ii., per finalità di Protezione Civile è responsabile;

a. dell’adozione di provvedimenti contingibili e urgenti di cui all’art. 54 del T.U.E.L. al fine di prevenire ed eliminare gravi pericoli per l’incolumità pubblica anche sulla base delle valutazioni formulate dalla struttura di Protezione Civile costituita ai sensi di quanto previsto nell’ambito della pianificazione di cui all’art. 18, comma 1, lettera b);

b. dello svolgimento, a cura del Comune, dell’attività di informazione alla popolazione sugli scenari di rischio, sulla pianificazione di Protezione Civile e sulle situazioni di pericolo determinate dai rischi naturali o derivanti dall’attività dell’uomo;

c. del coordinamento delle attività di assistenza alla popolazione colpita nel proprio territorio a cura del Comune, che provvede ai primi interventi necessari e dà attuazione a quanto previsto dalla pianificazione di protezione civile, assicurando il costante aggiornamento del flusso di informazioni con il Prefetto e il Presidente della Giunta Regionale in occasione di eventi di emergenza di cui all’art. 7, comma 1, lettere b) e c);

DATO ATTO che:

- per quanto sopra esplicitato e in linea con quanto indicato nella Circolare del Dipartimento della Protezione Civile del 03/03/2020, Prot. n° COVID/0010656, occorre attivare il C.O.C. (Centro Operativo Comunale) presso la sede comunale sita in piazza Duomo n. 44, a partire dalla data della presente con le funzioni di coordinamento e supporto appresso specificate;

- il Sindaco, sulla base dell’art. 12 del D.Lgs. 02.01.2018, n.ro 1, riveste il ruolo di Autorità comunale di Protezione Civile ed, al verificarsi dell’emergenza, assume la direzione delle azioni necessarie, nonché il coordinamento dei servizi di soccorso e di assistenza alla popolazione;

- inoltre, il Sindaco, ai sensi dell’art. 32 della legge n° 833/1978 e dell’art. 117 del D. Lgs. N° 112/1998, è autorità sanitaria locale;

VISTI E RICHIAMATI:

- il D.Lgs. 18.08.2000, n.ro 267 (T.U.E.L.) e ss.mm.ii.;

- il D.Lgs. 02.01.2018, n.ro 1 (Codice della Protezione Civile);

- il Regolamento Comunale di Protezione Civile approvato con D.C.C. n° 41 del 18.10.2016;

Considerato che sul territorio comunale vi sono attualmente alcuni casi di persone positive al Covid-19 e vi sono numerosi casi di persone in isolamento precauzionale, con potenziale rischio di allargamento dello spettro del contagio ad altri soggetti che gravitano sul territorio comunale;

DECRETA

la costituzione presso questo Comune a partire dalla data odierna e fino a cessata esigenza del Centro Operativo Comunale – C.O.C. come di seguito composto al fine di assicurare nell’ambito del territorio di Larino la direzione ed il coordinamento dei servizi di soccorso e di assistenza alla popolazione in relazione agli eventi di cui in premessa;

Di individuare quali referenti responsabili i seguenti soggetti:

A. Sindaco pro-tempore, Giuseppe PUCHETTI, con compiti di coordinamento delle funzioni di supporto;

B. Vice Sindaco, Antonio VESCE coadiuvante;

C. Responsabile Servizi Civili e Protezione Civile Ing. Alfonso SCARDERA;

D. Responsabile Servizio Urbanistica Ing. Giovanni LAPENNA

E. Responsabile Servizio di Vigilanza M.llo Claudia MAMMARELLA

di dare atto che il C.O.C. potrà avvalersi a supporto delle funzioni sopra citate delle Associazioni di Volontariato presenti sul territorio e di personale medico specializzato.

DISPONE che il presente Decreto venga pubblicato all’Albo Pretorio informatico del Comune di Larino;

nonché diffuso mediante i normali mezzi di informazione;

  • Trasmesso alla Prefettura di Campobasso;
  • Trasmesso alla Stazione dei Carabinieri di Larino;
  • Trasmesso alla Protezione civile regionale;
  • Trasmesoa all’Asrem
  • AVVISA

    chiunque ne abbia interesse, avverso il presente decreto potrà proporre:

    - ricorso al Tribunale Amministrativo di Campobasso, entro 60 (sessanta) giorni dalla pubblicazione della presente ordinanza all’Albo Pretorio informatico del Comune di Larino;

    - ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, per soli motivi di legittimità, entro 120 (centoventi) giorni dalla pubblicazione della presente Ordinanza all’Albo Pretorio on-line.