Presentati a Guardialfiera il libro e la mostra "Tratturi"

Attualità
lunedì 28 settembre 2020
di La Redazione
Presentati a Guardialfiera il libro e la mostra
Presentati a Guardialfiera il libro e la mostra "Tratturi" © TermoliOnline.it

GUARDIALFIERA. L’Unesco ha dichiarato Patrimonio dell’umanità il complesso dei tratturi, quei grandi percorsi erbosi formatisi sin dalla Preistoria che hanno attraversato il centro-sud e attivi fino al secolo scorso. Tantissimi sono gli studi su questo monumento storico e su quanto ha condizionato l’assetto ambientale, economico, architettonico e culturale. Ma ecco una cosa nuova: sull’esempio del grande D’Annunzio, la poetessa Rossella de Magistris scrive versi sul tema, che vengono raccolti in un libro illustrato da Antonietta Aida Caruso e prodotto dai Cantieri Creativi. Una mostra “Ethos e paesaggio” affianca così la nascita del libro e accompagna le sue presentazioni.

Dalle poesie e dall’esposizione si percepisce l’ethos del paesaggio, l’humus della terra, l’eco delle immagini e delle memorie che essa è in grado di evocare, con lo stupore verso ciò che ancora può corrispondere al cuore dell’uomo di oggi. L’evento, sublimato dalle sonorità delle canzoni d’autore della Subart ensemble, costituito da Michela Della Penna, Antonio Narducci, Luca Mastrogiuseppe e Sandro Tascione, conduce come in una sorta di tempio sacro nei meandri del cuore, con un distacco momentaneo dai ritmi consueti del nostro tempo, per farci percepire l’uomo in sintonia con la natura e gustare i percorsi del sentimento.

Il 26 settembre il libro e la mostra sono stati presentati nella patria del grande scrittore Francesco Jovine, presso la Sala Mons. Conedera di Guardialfiera, con la partecipazione, sebbene con distanziamenti e precauzioni, di un pubblico partecipe e interessato, mentre una luna furtiva occhieggiava l'araldo luminescente campanile.

Si ringraziano il sindaco di Guardialfiera Vincenzo Tozzi, il presidente del “Centro Studi Molise” Giovanni Di Risio, la consigliera arch. Itala Trolio, il coordinatore Borghi d’eccellenza Maurizio Varriano e, dulcis in fundo, le due autrici: Rossella de Magistris e Antonietta Aida Caruso.