«Il Governo si adoperi per far liberare al più presto i pescatori italiani detenuti in Libia»

Attualità
sabato 21 novembre 2020
di La Redazione
Più informazioni su
Approvata la mozione sui pescatori italiani detenuti in Libia
Approvata la mozione sui pescatori italiani detenuti in Libia © TermoliOnLine

TERMOLI. Il Consiglio comunale di Termoli, che si è riunito ieri sera in seconda convocazione, dopo l'elezione del nuovo presidente dell'assise civica Annibale Ciarniello avvenuta il giorno prima, tra i vari adempimenti, ha approvato con 18 voti favorevoli e nessuno contrario, compresi quelli del Movimento 5 Stelle, una mozione di «Piena solidarietà ai pescatori Italiani da tempo sequestrati e trattenuti in Libia», presentata dai consiglieri di maggioranza Nicola Balice (primo firmatario) ed Enrico Miele, con l'accoglimento di questa mozione, il Comune di Termoli si impegna a “Sollecitare il Governo italiano affinché si adoperi attivamente e celermente per ottenere la loro liberazione”. Unico a non partecipare al voto il consigliere comunale azzurro Francesco Rinaldi.

“Nelle acque internazionali tra Italia e Libia – si legge nella mozione a firma di Balice e Miele – si sono svolti altri accadimenti non chiari: altri due pescherecci battenti bandiera italiana sono riusciti a fuggire dalla cattura ad opera di imbarcazioni militari libiche, senza però nel frangente, evitare il sequestro del Primo Ufficiale e del Comandante della nave”.

“Abbiamo – conclude la mozione congiunta di Balice e Miele – ritenuto opportuno sollecitare l’opinione pubblica e le amministrazioni locali a intervenire esprimendo una posizione di solidarietà ai pescatori italiani sequestrati in Libia e alle loro famiglie, anche al fine di sollecitare all’azione il Governo italiano, a tutela del prestigio e della sovranità nazionale”.

Al dibattito seguito all'illustrazione della mozione da parte del primo firmatario Nico Balice, sono intervenuti Nick Di Michele, il consigliere Francesco Rinaldi e il sindaco Francesco Roberti.