​«Auguri all'assessore Cotugno, amico delle Carresi»

Auguri
Termoli venerdì 08 febbraio 2019
L'assessore regionale Vincenzo Cotugno
L'assessore regionale Vincenzo Cotugno © Termolionline.it

CAMPOBASSO. «Oggi l'assessore regionale Vincenzo Cotugno compie settant'anni. Un traguardo importante nella vita di un uomo.

A Vincenzo Cotugno dobbiamo essere tutti grati perché, grazie al lavoro di stretta collaborazione con il Presidente Donato Toma, ha garantito alle Carresi un futuro. Sin dal primo momento, da quel drammatico 30 aprile 2018, egli è stato a fianco delle nostre nobili tradizioni.

Oggi, per una strana coincidenza del destino, il suo compleanno coincide con l'approvazione della legge regionale a tutela delle Carresi.

A lui vada il mio personale augurio e la mia personale riconoscenza, insieme a quelli dell'intera Unione Carresi. Buon compleanno da tutti noi. Per i prossimi cent'anni, che tu possa essere sempre presente nel giorno delle nostre Carresi, e fare festa insieme a noi».

Questo l’omaggio fatto dal presidente e da tutta l’Unione carresi, che ricorda come oggi, dalle 15, il Consiglio regionale del Molise prende in esame la proposta di legge voluta dal Presidente Donato Toma in materia di Carresi.

«Il provvedimento, deliberato all'unanimità dalla Giunta, modifica la legge già esistente ampliando la portata del dettato normativo, recependo le indicazioni del Disciplinare sottoscritto nel 2015 dalle associazioni dei Carri. Successivamente all'approvazione del testo di legge, la Giunta regionale adotterà l'intero disciplinare quale regolamento della medesima legge. Troverà così piena e completa definizione il principio di tutela del benessere animale (mai messo in discussione) e quello di tutela del benessere spirituale delle comunità e del sacrosanto diritto di queste ultime alla conservazione della propria Identità storica, culturale, religiosa.

È un momento importante che non esito a definire storico per le comunità interessate, per le associazioni dei Carri e per l'intero Molise. Da questo punto cambia la storia. L'immagine che vedete a corredo di questo post, non la vedrete mai più. Io ero esattamente davanti a questa scena, a San Martino in Pensilis, la sera del 30 aprile 2018. Piangevano tutti. Possiamo ricominciare a sorridere e a fare festa. Chiunque lo desideri, può venire in Consiglio regionale a fare festa».