Tragedia sulla Sp 51: corpicino della bimba trasportato all'obitorio del San Timoteo

Cronaca
sabato 11 settembre 2021
di La Redazione
Più informazioni su
L'auto ribaltata sulla SP 51
L'auto ribaltata sulla SP 51 © TermoliOnLine

PETACCIATO. Due comunità, Montenero di Bisaccia e Petacciato, accomunate da un solo tragico destino. Quello che ha strappato in questa stagione estiva 2021 l’ennesima giovane vita, stavolta addirittura una bimba di 4 anni, che assieme alla madre, stava raggiungendo la nonna a Petacciato, lei che abitava assieme ai genitori a Montenero di Bisaccia.

Una strada provinciale, la maledetta SP 51, che solo a metà agosto portava via in un altro tratto, la 16enne Valeria Cinalli, percorsa immaginiamo innumerevoli volte e stavolta è stata fatale alla piccola.

Al km 10,400, come rilevato dai Carabinieri della stazione di Petacciato, dai Vigili del fuoco del distaccamento di Termoli, dagli agenti della Polizia stradale di Termoli, sul posto anche la Polizia locale di Petacciato, la Fiat Punto si è ribaltata, dopo aver urtato contro un muretto laterale, a causa probabilmente di un guasto meccanico al piantone dello sterzo, circostanze che saranno al vaglio degli inquirenti.

L’auto si è capovolta non dando scampo alla bimba, seduta dietro sul seggiolino.

A soccorrere per primo la famigliola è stato un automobilista di passaggio, poi sono sopraggiunti i soccorsi, anche il 118 Molise coi volontari della Misericordia in ambulanza, ma i medici non hanno potuto che constatare l’avvenuto decesso.

L’ennesima tragedia che ha funestato questo scorcio di fine vacanze, la pagina Facebook del Comune di Montenero di Bisaccia listata a lutto.

Intanto, il Pm di turno della Procura di Larino, Ilaria Toncini, che si è recata sul posto, ha concesso il nulla osta alla rimozione del corpicino della bimba dopo alcune ore dal sinistro, ricomposto all’obitorio dell’ospedale San Timoteo di Termoli, a disposizione della Magistratura.

Secondo le indiscrezioni trapelate dagli ambienti giudiziari, l’orientamento è quello di far eseguire l’esame autoptico sulla salma della piccola, ne sapremo di più nelle prossime ore, quando verranno formalizzati gli incarichi ai medici legali.

Sicuramente sarà effettuata lì la prima ricognizione cadaverica esterna formale, necessaria per far avere in mano alla Pm il referto su cui basare le successive disposizioni.