San Severo, picchiato l'inviato di Striscia Vittorio Brumotti: troupe aggredita da 15 persone

Cronaca
martedì 05 ottobre 2021
di La Redazione
Più informazioni su
San Severo, picchiato l'inviato di Striscia Vittorio Brumotti: troupe aggredita da 15 persone
San Severo, picchiato l'inviato di Striscia Vittorio Brumotti: troupe aggredita da 15 persone © Foto Striscia la Notizia

SAN SEVERO. Imboscata in danno di Vittorio Brumotti al 'San Bernardino'. Questo pomeriggio, l'inviato di Striscia la Notizia e la sua troupe erano al quartere 'San Bernardino' di San Severo - noto 'fortino' dello spaccio di droga nella città dell'Alto Tavoliere - quando almeno una quindicina di persone, li hanno accerchiati e aggrediti.

Nella violenta aggressione, sedata solo grazie all'intervento della polizia, l'inviato di Striscia -in città da alcuni giorni per documentare lo spaccio di droga che avviene alla luce del sole in un quartiere ad alta densità criminale - è stato minacciato e colpito con un pugno in pieno volto, e accompagnato in ospedale per le cure del caso. I medici del 'Masselli Mascia' hanno riscontrato un trauma facciale giudicato guaribile in 30 giorni.

"La ferocia di queste persone che pensano di dominare il territorio non ci fermerà", ha dichiarato il biker. "Continueremo a girare l’Italia e a denunciare tutte queste situazioni di degrado. Facciamolo tutti per i bambini, non si può far finta di nulla". 

Contusi anche alcuni collaboratori di Brumotti e almeno un agente intervenuto per sedare la rissa. Al momento non sono note le loro prognosi. Sul posto sono intervenuti gli uomini del commissariato di San Severo e alcune pattuglie del locale Reparto di prevenzione crimine. La polizia sta identificando alcuni facinorosi; una persona è stata fermata e accompagnata in commissariato e la sua posizione è al vaglio della polizia.

In mattinata, la stessa troupe si era scontrata con l'inospitalità dei residenti del 'palazzone' Onpi a Foggia: "Brumotti vattene, non ti vogliamo!". "Solidarietà a Vittorio Brumotti e ai poliziotti aggrediti. I sanseveresi sono accoglienti, ospitali, amici di tutti. Spero tornino presto. Noi li accoglieremo come nostri ospiti, come la nostra città fa con tutti i suoi visitatori" il commento del sindaco Francesco Miglio.