Assolta “Mara” dall’accusa di regina della truffa e sedicente avvocata in Molise

La sentenza ven 28 gennaio 2022
Cronaca di La Redazione
1min
Aula di Tribunale ©Termolionline
Aula di Tribunale ©Termolionline

LARINO. Si è concluso davanti al Tribunale di Larino il processo a “Mara”, nome fittizio usato da una donna di Ripabottoni accusata di una lunga serie di episodi di truffa aggravata, falso, sostituzione di persona, millantato credito, esercizio abusivo della professione e estorsione.

La donna, già recidiva per reati contro il patrimonio, secondo le approfondite indagini della Guardia di Finanza, che ne ha ottenuto  il rinvio a giudizio, avrebbe svolto per anni, in Basso Molise, l’attività di  sedicente avvocata esperta in materia tributaria e previdenziale, riuscendo a farsi corrispondere da decine di ignari clienti parcelle in realtà non dovute  per centinaia di migliaia di euro, in  contanti, assegni, titoli al portatore, monili d’ oro, e  a farsi consegnare un’ingente quantità di diamanti e altri preziosi da una rinomata  gioielleria,  oltre a farsi intestare con atto notarile una vasta azienda agricola con relativi terreni, impianti e attrezzature, e anche ad  intascare, al posto dei clienti, decine di migliaia di euro erogati da società finanziarie e istituti bancari.

All’esito del processo, in cui è stata difesa dall’avvocato Roberto D’Aloisio di Termoli, e smontate le prove raccolte in anni di indagini, la donna è stata assolta con formula piena e ha perciò  annunciato che valuterà l’eventuale azione di risarcimento per i danni anche di immagine subiti a causa del processo.

 


TermoliOnline.it Testata giornalistica

Reg. Tribunale di Larino N. 02/2007 del 29/08/2007 - Num. iscrizione ROC:30703

Direttore Responsabile: Emanuele Bracone

Editore: MEDIACOMM srl
Via Martiri della Resistenza, 134 - 86039 TERMOLI(CB)
P.Iva 01785180702

© Termolionline.it. 2022 - tutti i diritti riservati.

Realizzato da Studio Weblab

Navigazione