Blitz dei Nas, sotto sequestro circa 180 quintali di conserve alimentari

Cronaca
Termoli mercoledì 10 ottobre 2018
di La Redazione
Blitz dei Nas, sotto sequestro circa 180 quintali di conserve alimentari
Blitz dei Nas, sotto sequestro circa 180 quintali di conserve alimentari © Web

CAMPOBASSO. Nell’ambito dei controlli della sicurezza alimentare, il Nas di Campobasso, operante sull’intero territorio regionale e coordinato dal Comandante Luogotenente Mario Di Vito, a seguito di ispezione, ha proceduto alla chiusura del deposito di un’industria conserviera dell’area del Basso Molise perché interessato da gravi carenze igienico-sanitarie e strutturali.

Nella circostanza i militari hanno proceduto a porre sotto sequestro amministrativo circa 180 quintali di conserve alimentari perché prive di documentazione attinente la rintracciabilità e l’effettiva nazione di provenienza.

Sempre nell’ambito dei controlli sulla produzione e commercializzazione delle conserve alimentari, il Nas ha deferito il titolare di una ditta della provincia di Campobasso per frode in commercio poiché utilizzava etichette su confezioni di prodotti sott’olio con indicazioni ingannevoli riguardanti il luogo di produzione. Anche in questo caso sono stati posti sotto sequestro e ritirati dal mercato le confezioni non regolari.

Inoltre, nell’ultimo periodo, a seguito di controlli effettuati presso ristoranti della costa, il Nas ha segnalato all’Autorità Giudiziaria competente n. 3 ristoratori per frode in commercio e per la detenzione di alimenti, soprattutto carne e pesce, in cattivo stato di conservazione; in particolare è stata accerta la somministrazione di cibi surgelati, non indicati come tali nel menù, nonché l’illecita procedura relativa al congelamento, attuata con attrezzature non idonee e con l’utilizzo di involucri protettivi non destinati a venire a contatto con gli alimenti.

Oltre a ciò, l’Autorità Sanitaria ha disposto, a seguito di ispezioni effettuate dal Nas, la sospensione dell’attività fino al ripristino delle condizioni igienico sanitarie richieste dalla normativa vigente di due ristoranti, di una friggitoria allestita all’interno di una pescheria e di due depositi alimentari operanti nella provincia di Campobasso.