Prosegue il braccio di ferro al Tar Molise sull'appalto del cimitero

Cronaca
Termoli venerdì 12 ottobre 2018
di La Redazione
Più informazioni su
Cimitero di Termoli
Cimitero di Termoli © Termolionline.it

TERMOLI. Prosegue il braccio di ferro al Tar Molise tra Michela Monte, Bernardo Sila, Giuseppa Monte e Gala S.r.l contro il Comune di Termoli, l’Emel Italia S.r.l. e la Cosvim Società Cooperativa, per l'annullamento della delibera di giunta di Termoli n. 306 del 11.12.2017con la quale l'amministrazione ha approvato la fattibilità ed il pubblico interesse del progetto di ampliamento del cimitero di Termoli e di tutti gli altri atti presupposti, conseguenti e connessi, nonché per la declaratoria di inefficacia di ogni altro atto e/o convezione se del caso stipulato e/o concluso. Un ricorso che si è anche esteso a motivi aggiunti, per la delibera di Consiglio comunale di Termoli n.12 del 22.6.2018, mai comunicata né trasmessa ai ricorrenti, con la quale è stato nuovamente approvato il progetto di ampliamento del cimitero di Termoli, con traslazione della cinta cimiteriale all'interno della fascia di rispetto attualmente definita e di tutti gli altri atti alla stessa presupposti, conseguenti e connessi, incluso il parere reso dalla Asrem. Relatore nella camera di consiglio del 26 settembre scorso è stata la dottoressa Rita Luce.

Per i ricorrenti ci sarebbe il difetto di istruttoria per non avere essa dato conto della esistenza dei vincoli paesaggistici gravanti sull’area interessata dalla realizzazione dell’intervento. Il Collegio ha disposto una verifica al fine di appurare se l’area interessata dalla realizzazione dell’intervento di cui è causa fosse o meno gravata da vincoli paesaggistici, anche eventualmente imposti coi cosiddetti “decreti galassini” emanati in attuazione della legge 8 agosto 1985 n. 43. L’avvocato De Robertis – difensore del Comune di Termoli – ha chiesto la revoca della verifica, riconoscendo l’esistenza del vincolo, come risulta nella relazione già depositata in atti; considerato, inoltre che la Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio Molise ha reso il parere favorevole alla realizzazione dei lavori reso con nota prot. n. 997 del 11.09.2018. Il Tar, revocando la precedente ordinanza di luglio, ha fissato per il prosieguo, l’udienza pubblica del 21 novembre 2018.