Si solleva il pavimento all'asilo di via Montecarlo, genitori in subbuglio

Cronaca
Termoli mercoledì 12 giugno 2019
di La Redazione
Più informazioni su
Asilo di via Montecarlo
Asilo di via Montecarlo © Termolionline.it

TERMOLI. «Lacune ed inadempienze nella gestione della criticità all’asilo di via Montecarlo». E’ quanto lamentano, in una missiva indirizzata al Comune, i genitori dei bambini da 3 a 6 anni che frequentano la struttura comunale.

Lo scorso lunedì, nel pieno delle attività scolastiche, una parte del pavimento si è sollevato con la conseguente rottura delle piastrelle. Fortunatamente bambini e insegnanti presenti nell’aula non hanno subito nessuna conseguenza fisica, anche se forte è stato lo spavento, ma prontamente le maestre hanno messo subito in sicurezza e tranquillizzato gli alunni.

Sembrerebbe che la rottura del pavimento e lo scoppio delle mattonelle sia dovuto ai lavori eseguiti nella giornata di sabato per l’apertura di una porta nella sezione dei medi e per i quali non erano stati avvisati né i genitori né tantomeno le insegnanti.

La situazione è poi peggiorata con il sollevamento delle mattonelle anche in un’altra aula ma nessun referente, lamentano i genitori, era presente nella giornata di martedì per qualsiasi chiarimento e spiegazione. Le aule, inoltre, risultavano aperte e nessun segnale di pericolo né transenne ad impedire l’accesso alle aree pericolose. A seguito di rimostranzee richieste di alcuni genitori che hanno presidiato la struttura, nell’attesa dei dirigenti competenti, un tecnico comunale che, a seguito di un sopralluogo, ha chiuso ed interdetto l’utilizzo delle aule interessate dal pericolo.

Risulta, infatti, che all’interno della struttura comunale, a seguito di un sopralluogo dei Vigili del fuoco eseguito più di due mesi fa, siano emerse delle non conformità che mettono a rischio gli utenti della struttura sia nella parte delle aule che nella parte della cucina che deve essere sottoposta ad interventi di compartimentazione con materiale ignifugo.

E nella mattinata di ieri le rimostranze sono continuate perché i bimbi sono stati spostati in altre aule ma i lavori continuano all’interno della struttura con la presenza dei più piccoli tra polvere, rumori e disagi.

Vista la situazione e il disagio, nonché il senso di insicurezza e di mancanza di risposte, per i genitori rimangono aperti diversi quesiti che hanno riportato nella lettera di lamentele inviata al Comune: “1) Siamo alla fine dell’anno scolastico, e nessuno ha mai comunicato ai genitori che a seguito del sopralluogo dei Vigili del fuoco ci siano delle condizioni di pericolo che dovrebbero essere sanate. Ciò significa che fino a questo momento i bambini hanno avuto accesso a un luogo che, al posto di essere il punto focale della loro crescita, è invece un luogo insicuro in cui si sarebbero potuti verificare incidenti?

2) Nel momento in cui si è verificata la criticità, perché non è stata subito messa in sicurezza l’aula con le piastrelle saltate e non sono state rimosse le macerie?

3) Al termine del sopralluogo eseguito il giorno 10/06, perché non è stato emesso un comunicato ufficiale che rassicurasse i genitori?

4) Al termine del sopralluogo eseguito il giorno 10/06, perché non è stato deciso di interdire anche l’uso dell’aula di fronte a quella della classe dei ‘Coniglietti Rosa’, mentre nel sopralluogo eseguito il giorno 11/06 è stato deciso di chiudere anche questa stanza?

5) Perché è stato permesso che il giorno 11/06 i bambini facessero lezione in un’aula che poteva metterli a rischio?

6) Perché dopo un evento così importante, nella giornata odierna 11/06 la Responsabile dell’Asilo non era presente a fornire chiarimenti ai genitori?

7) Perché l’aula con il pavimento saltato è rimasta con le porte aperte fino all’arrivo di un tecnico, e non è stata disposta prima l’interdizione con transenne dell’area di pericolo?”.