Salvo il 14enne di Lucera: «Un piccolo miracolo, grazie a chi si è occupato di lui»

Cronaca
Termoli sabato 24 agosto 2019
di La Redazione
Più informazioni su
L'ospedale San Timoteo
L'ospedale San Timoteo © Termolionline.it

CAMPOMARINO. Sta bene il 14enne pugliese che qualche giorno fa ha rischiato di annegare nelle acque di Campomarino. Dopo un primo ricovero presso il reparto di Rianimazione del San Timoteo di Termoli e le costanti cure dei medici che lo hanno tenuto sotto stretta osservazione, il ragazzo è stato trasferito presso il reparto di Pediatria del nosocomio termolese e tra qualche giorno, al termine degli accertamenti di rito, potrà tornare a casa. Uno spavento che è terminato nel migliore dei modi possibili, secondo la testimonianza della madre.

«Abbiamo vissuto momenti di paura, ma ora mio figlio sta bene e tutto si è risolto nel migliore dei modi: quello che è successo sulla spiaggia di Campomarino è un stato un piccolo miracolo (chi ha fede lo sa), operato attraverso le mani di tutti i medici e gli operatori sanitari che si sono occupati di lui. A loro va il mio ‘grazie’ e quello di mio figlio», racconta Rosalia al sito di www.foggiatoday.it che si è occupato dell’accaduto. La stessa donna che racconta del ricovero attuale presso il reparto di Pediatria per gli ultimi esami «e poi torneremo a casa. Prima di tornare alla normalità, mi sento in dovere di ringraziare tutto il personale dell’ospedale e, in particolare, gli operatori del 118, del Pronto Soccorso, della Rianimazione e della Pediatria del presidio ospedaliero».

E infine un grazie ai medici termolesi. «Ho riscontrato una grande professionalità, una organizzazione impeccabile e una grande umanità. Si sono fatti in quattro per noi. Non mi hanno mai fatto sentire sola né spaesata, e ho trovato grande solidarietà anche nella preghiera. Un ringraziamento speciale - conclude - va anche ai due medici (che non sono ancora riuscita a rintracciare) che sono intervenuti in prima battuta in spiaggia, in attesa dell'arrivo (immediato) dell’ambulanza del 118».

(Fonte: foggiatoday.it).