"Incendio sul mare", Chiara Gabriele dialoga con Pier Paolo Giannubilo

Borgo della lettura sab 06 agosto 2022
Cultura e Società di La Redazione
2min
"Incendio sul mare", Chiara Gabriele dialoga con Pier Paolo Giannubilo ©Termolionline.it
"Incendio sul mare", Chiara Gabriele dialoga con Pier Paolo Giannubilo ©Termolionline.it

SERRACAPRIOLA. Uno degli eventi letterari più attesi è stato quello della presentazione del nuovo libro, “Incendio sul mare” di Pier Paolo Giannubilo. Nella serata del 5 agosto, davanti a un numeroso pubblico, il Giro Esterno del Belvedere ha fatto da cornice al tanto atteso evento. Non è mai facile ripetersi dopo un grande successo di un’opera importante, quale è stato il libro precedente che fece parte della dozzina dei finalisti del Premio Strega 2019, ma Giannubilo ci riesce anche in questa occasione. Il suo modo di scrivere ricercato, raffinato attento a descrivere tutto nei minimi particolari, riesce a far sì che ogni suo romanzo sia un successo, anche per merito della sua interlocutrice (e ne siamo fieri), la nostra collaboratrice Chiara Gabriele.

“Incendio sul mare” è ambientato nell’arcipelago delle Isole Tremiti, che possiamo considerare quasi un attore principale all’interno del romanzo. Giannubilo le descrive in una maniera così dettagliata che anche chi non ha mai visitato queste suggestive isole, riesce ad immaginarle perfettamente.

Le descrive anche dal punto di vista del Mito, narrando della leggenda dell’eroe Diomede, personaggio dell’Iliade di Omero; narra della fondazione dell’Abbazia e dei fatti storici che le hanno viste protagoniste, come quando nel Ventennio fascista l’isola di San Domino fu luogo di confino o quando nel 1987 il leader libico Gheddafi cercò in quelle isole eredi di sangue libico. Il protagonista del romanzo è Riccardo Manes che dopo aver girato il mondo decide di tornare nel suo Eden perduto; da qui uno dei temi più importanti del romanzo, il ritorno o meglio, il “Nostos”.

Presenti nel romanzo diversi temi, il peso dei segreti, della verità negata, la colpa e il riscatto, ma quello più importante su cui ruota la figura del protagonista è l’amore, amore verso i suoi luoghi d’infanzia ma soprattutto verso la sua bellissima compagna Jasmin. Presenti anche temi di attualità come la pervasività funesta dei social e i cambiamenti climatici. Il romanzo è ricco di suspence, per alcuni tratti sembra proprio tingersi di giallo e ci sono vari colpi di scena. Piano piano, a galla, uno dopo l’altro, i segreti e anche le colpe di tutti i personaggi. Il pubblico letteralmente incantato dalle parole dello scrittore, che, come pochi, hanno la capacità di mantenere alta l’attenzione sia nelle presentazioni ma soprattutto nella lettura. Si è potuto toccare con mano l’orgoglio di Serracapriola verso Pier Paolo Giannubilo; il papà dello scrittore è originario della bella cittadina pugliese. Una delle frasi più significative del romanzo è questa: “Nelle confessioni che ci si scambia, la parte più scabrosa è quasi sempre omessa, anche quando la confessione viene resa solo a sé stessi”, che può essere considerata la chiave di volta del romanzo, un romanzo che vale la pena leggere.

Galleria fotografica
Ti potrebbero interessare

TermoliOnline.it Testata giornalistica

Reg. Tribunale di Larino N. 02/2007 del 29/08/2007 - Num. iscrizione ROC:30703

Direttore Responsabile: Emanuele Bracone

Editore: MEDIACOMM srl
Via Martiri della Resistenza, 134 - 86039 TERMOLI(CB)
P.Iva 01785180702

© Termolionline.it. 2022 - tutti i diritti riservati.

Realizzato da Studio Weblab

Navigazione