«Una continuità straordinaria», il Premio Termoli da 62 anni in "Catalogo"

Pagine di cultura mer 23 novembre 2022
Cultura e Società di Dalila Catenaro
1min
Premio Termoli: il catalogo della 62esima edizione ©TermoliOnLine
Premio Termoli: il catalogo della 62esima edizione ©TermoliOnLine
Premio Termoli: Laura Cherubini illustra il catalogo della 62esima edizione

TERMOLI. Una presentazione intima quella che si è svolta al Macte lunedì sera, 21 novembre, dalle 19; un momento di confronto tra vari artisti e diverse sezioni curato interamente da Laura Cherubini.


Laura ci ha infatti raccontato il suo impegno per questa 62esima edizione del Premio: “Una continuità straordinaria di questo premio che dalla fine degli anni cinquanta non ha mai subito interruzioni e si è ora profondamente rinnovato. Ho pensato di strutturare il premio in questo modo: coinvolgendo altri quattro curatori di differenti generazioni e diverse aree geografiche affidandogli il compito di selezionare ognuno tre artisti, che hanno composto un panorama di dodici artisti delle arti visive. Diverse generazioni che hanno adoperato tutti i mezzi a loro disposizione: scultura, pittura, disegno, video e performance. Tantissime forme espressive. Ne è uscita un’edizione molto variegata”.

Quattro i curatori coinvolti: Giacinto Di Pietrantonio, Paola Ugolini, Francesco Garutti e Lorenzo Madaro.

Una nuova sezione è stata aperta: “Architettura e design” che è legata al concetto di committenza. Una sezione che si collega anche a quelle che sono le esigenze della città, che potevano essere affidate tramite un concorso internazionale ad architetti o designer. Il tema è stato: “La pensilina degli autobus a Termoli”, declinato in tante forme e il premio è stato vinto da due architette che vivono a Bologna.


Per le arti visive il premio “Acquisto” è stato vinto da Bruna Esposito dal titolo: “Oro colato” che allude al potere aureo della parola. Che consisteva in una performance con la poetessa Paola D’Agnese.

Altri due premi: una mostra personale che è stata vinta da Renato Leotta e un terzo premio del pubblico che è stato vinto da Giuseppe Stampone.

Con la presentazione del catalogo si inaugura anche l’ala nuova del Macte.


La Cherubini ha spiegato al pubblico il concetto di committenza: un concetto fondamentale nella storia dell’arte. La figura del committente in passato partecipava all’avventura creativa degli artisti. La curatrice ha ricordato ad esempio Gianlorenzo Bernini il cui committente era Papa Alessandro VII, oppure Borromini che era commissionato da ordini religiosi.

Soddisfatta anche la direttrice Caterina Riva che ha aperto la presentazione del catalogo.

Galleria fotografica

TermoliOnline.it Testata giornalistica

Reg. Tribunale di Larino N. 02/2007 del 29/08/2007 - Num. iscrizione ROC:30703

Direttore Responsabile: Emanuele Bracone

Editore: MEDIACOMM srl
Via Martiri della Resistenza, 134 - 86039 TERMOLI(CB)
P.Iva 01785180702

© Termolionline.it. 2022 - tutti i diritti riservati.

Realizzato da Studio Weblab

Navigazione