Giornata della creatività studentesca all’Alfano, protagonisti sempre

Cultura
domenica 24 dicembre 2017
di La Redazione
Più informazioni su
Alfano
Alfano © Liceo Alfano

TERMOLI. La scuola diventa laboratorio: la creatività degli studenti si organizza, nascono e si coltivano interessi, talenti, passioni tra pittura e fotografia, informatica e chimica, fisica e lingue straniere; si approfondiscono testi e si scrive di se stessi al corso di scrittura o al caffè letterario e filosofico, si indaga l’attualità attraverso i social e si cercano punti fermi nel grande flusso dell’informazione, si accostano musica e teatro, altri si sperimentano come videomaker, si approfondiscono le lingue, si vedono all’opera esperti di arti marziali e si praticano altre attività sportive e ricreative, senza disdegnare l’eterno calciobalilla, la playstation, i balli di gruppo, il bartending, i canti natalizi, i giochi da tavolo, l’arte del make-up, i murales, il ping pong, il calciotennis, la pallapugno e la pallavolo.

Già alcune settimane fa i ragazzi avevano dato prova della loro creatività allestendo uno splendido presepe tutto realizzato in pietra. Giovedì 21 dicembre al Liceo Scientifico e al Liceo Classico, grazie al supporto organizzativo dei loro rappresentanti in seno al Consiglio di Istituto, accompagnati e sostenuti dai loro docenti, i ragazzi hanno dato vita ad una giornata intensa e vitale che li ha visti protagonisti per un giorno, dettando così, a se stessi ed al mondo della scuola, un’agenda o una prospettiva che, sintetizzando, potrebbe suonare così: “protagonisti sempre”. La Dirigente, nel suo consueto “giro” dei laboratori si è complimentata con i ragazzi e i professori e li ha ringraziati: «Fare in modo che a scuola si possa esprimere se stessi in modo creativo nel confronto con i contenuti disciplinari e acquisire competenze per la vita valorizzando il vissuto e gli stili cognitivi di ciascuno, curando l’organizzazione di spazi e tempi di una didattica innovativa, è la strada maestra per la scuola di qualità che vogliamo costruire insieme».