"Il coraggio di Emma", quando la cultura non ha confini

Cultura
Termoli martedì 16 aprile 2019
di Emanuele Bracone
Intervista a Patrizia Gallina
Intervista a Patrizia Gallina © Termolionline.it

TERMOLI. Da Genova a Termoli, il salto da Ovest a Est e soprattutto da Nord a Centro-Sud potrebbe apparire anche azzardato, ma si sa, la cultura non ha confini.

Capita, sovente, anche da Ponente e Levante, che ci dedichi a presentare un libro sganciato dalla nostra realtà territoriale, ma ciò che troviamo nelle librerie e negli ormai frequentatissimi store digitali sfugge davvero alla regola dello steccato locale.

Per questo, la proposta che ci è stata fatta da una collega ligure, Patrizia Gallina, autrice dinamica che si divide in tante esperienza, è stata accolta con estremo piacere.

Patrizia Gallina, è una giovane attrice, cantante, modella,giornalista, scrittrice italiana, nasce il 21 febbraio, in Liguria nella città di Genova.

Professione soprano, precisazione leggera, diplomata stilista di moda e costumista teatrale. Nel 2005 ha realizzato e indossato un abito del periodo 700 e l’ha sfilato al Palazzo Ducale di Genova.

Ha partecipato a vari spettacoli tra cui X Factor, Liguria Selection, Lanterna D’oro, la Bella e la voce, e molti altri.

Nel dicembre 2014 ha inciso per la prima volta presso lo studio di registrazione a Genova, tre canzoni inserito nel suo primo cd “Stelle di Natale 2014”.

Laureata in storia dell’arte e valorizzazione del patrimonio artistico presso l’Università degli studi di Genova.

Desiderosa fin da piccola di diventare attrice, cantante e modella. Inizia a studiare recitazione dopo gli studi superiori e da allora non ha più smesso di recitare. Tanti spettacoli in piccoli teatri e il suo debutto per la prima volta in televisione è stato nel giugno del 2015 per lo spot pubblicitario della Gillette Venus a Spotorno. Patrizia inoltre ha partecipato ai concorsi di bellezza come modella nel 2015 per il concorso Miss Blumare a Plodio e Varazze. Tra i suoi piani futuri è recitare in Tempesta d’amore (Sturme der Liebe) e in alcune fiction di alcune serie televisive. Tra i suoi progetti recentemente: cinema e televisione.

Il 1 febbraio 2014 esce la sua prima pubblicazione: Natura ed arte. 1891-1895. Rubrica l’arte e la moda di Mara Antelling. Illustrazioni e contenuti.

Nel marzo 2016 esce la sua seconda pubblicazione: Così è se vi pare di Pirandello. La regia di Giorgio de Lullo.

Nel luglio del 2016 ha partecipato nella serie tv di Alex & Co in onda su Disney Channel.

Regia di Claudio Norza con Leonardo Cecchi, Federico Russo, Saul Nanni,Eleonora Gaggero, Beatrice Vendramin, Debora Villa, Roberto Citran.

Attualmente è impegnata nelle riprese per la Fiction “Le donne di Genova”.

Dall’aprile 2016 fa parte nel consiglio direttivo della Starfilm Liguria. E’ stata scelta durante le votazioni nel rinnovo del consiglio direttivo 2016.

Dall’agosto 2016 fino a gennaio 2017, ha lavorato come redattrice sportiva presso Supernews.

Il 3 settembre 2016 è stata scelta per la lettura di una poesia lirica accompagnata dal pianista e compositore M. Giusto Franco, tenutasi presso Villa Cambiaso di Savona.

Nell’ottobre 2016 è stata scelta nello spin-off in Squadra antimafia. Il ritorno di Rosy Abate e ne prende parte per un giorno nelle riprese a Pietra Ligure con Giulia Michelini e Paolo Bernardini.

Nel 2016,ha lavorato come giornalista sportiva presso la Settimana Sport a Genova.

Attualmente lavora come giornalista presso Tutto campo.

Domenica 20 novembre 2016va in scena insieme alla sua compagnia, nel teatro S. Giovanni Battistaa Genova, con la commedia in : “La vita che ti diedi” di L. Pirandello nel personaggio di Lucia Maubel.

Domenica 27 novembre 2016 ha conosciuto il collega Paolo Vinci in trasferta a Genova per Genoa Juventus. Insieme all’avvocato Vinci, collabora per servizi sulla malasanità e giornalismo.

Attualmente lavora come giornalista nell’emittente televisiva “TeleTurchino”.

Il 10 febbraio 2017 va in scena al Teatro Govi di Genova con lo spettacolo “Caro amico ti scrivo”, nel personaggio di Margherita Cagol.

Il 22 febbraio 2017 discute la tesi nel master in scienze legislative presso l’Università degli studi Di Genova.

Il 9 marzo 2017è sul set “Il principe libero” il film sulla vita di Fabrizio De André con Luca Marinelli e Valentina Bellè. Regia di Luca Facchini.

Dal 21 marzo 2017 va in onda su Telegenova alle 19.35,la prima puntata della fiction ” Le donne di Genova”, che la vede protagonista nei panni di Greta. Un’idea di Francesco Mortola, regia di Wilma Massucco,sceneggiatura di Pinuccia Messina Lanza.

Il 5 settembre 2017, è stata impegnata nelle riprese a Genova nel film “Inspector Notty K” con Nusrat Faria e Jeetendra Madnani.

Da novembre 2017 è conduttrice sportiva presso Liguria web Tv nel programma Genoa e Samp i colori del Calcio.

Ci troviamo qui, perché Patrizia ha dato alle stampe “Il coraggio di Emma”, edito dalla casa editrice "Ecig ", il suo terzo libro, che ha come protagonista Emma Wilson una giovane donna indipendente, che ha dovuto crescere in fretta a causa di alcuni avvenimenti dolorosi. Nonostante tutto, Emma continua gli studi e diventa insegnante. Proprio il suo lavoro le farà conoscere l’uomo di cui si innamorerà. Sarà però un amore con non pochi ostacoli.

L’autrice, raccontandoci il suo libro, sottolinea la sua passione per la scrittura, affermando in diverse interviste: “L’idea del libro è nata per caso, come accade per tutte le cose belle…” “…Scrivere non è una scelta, è la stessa cosa di innamorarsi, a cui si dedicano tutti i pensieri, tutto il tempo“. Inoltre, Patrizia Gallina sottolinea come “Il Coraggio di Emma” sia un tema rivolto a tutte le donne; un messaggio di grande forza interiore del mondo femminile.

Per saperne di più, l’abbiamo intervistata.

Una curiosità, anche se è vero che in taluni casi non si dovrebbe mai avere. Sia sul profilo Facebook che nella biografia del sito personale non rivela la sua età. Custodire il segreto allunga la vita?

Si,è secondo me è anche un modo per apparire sempre un po’ fanciulle, e sempre quel lato un po’ bambina.. E’ un modo di tenerlo segreto come custodito in un baule. E poi Il Galateo è chiaro: non chiedere mai l'età a noi donne!

Tre libri, uno diverso dall’altro, solcando vari temi: dove nasce questa scrittura così poliedrica?

La scrittura è il sale della mia vita. Scrivere è il mio modo di stare al mondo, non è solo la mia professione, è quello che sono. Esisto solo quando scrivo perché scrivendo scopro me stessa e riesco ad arrivare al cuore dell’altro. Lascio in lui la scintilla e un messaggio quasi subliminale, “Tutto è segno per chi sa leggere”, con la speranza di poter fare del bene. Se guardiamo col cuore, se alleniamo questo muscolo, se ci crediamo davvero, possiamo leggere segni ovunque e agire come se le nostre azioni fossero guidate dall’amore. La scrittura mi ha salvata e mi salva ogni giorno. La scrittura mi rende libera. Scrivere è liberatorio, ti permette di esternare le tue emozioni e imprimerle nero su bianco, sognare a occhi aperti con la possibilità di rileggere quei sogni.

Nel ventaglio delle sue esperienze raggruppa tutti i settori che ruotano attorno alla comunicazione, da quella artistica e intimistica fino ad arrivare a quella radiofonica e sportiva. Entrare in contatto con gli altri è la sua ragione di vita?

Sicuramente sì, perché sono tutti i sogni che mi danno amore in tutte le sue forme, ma anche come resistenza. Finché siamo qui, credo bisognerebbe trovare la forza di provarci sempre, non lasciare sola la più piccola emozione, ma farci portatori sani di essa, che sia di parola o di gesti.

Attualmente sono molto impegnata in televisione su un progetto importante e collaboro su una trasmissione calcistica che partirà a breve.

Chi è Emma Wilson nel suo immaginario e perché ha deciso di dedicarle un libro?

L’idea del libro è nata per caso, come accade per tutte le cose belle. Insieme a leggere, è ciò che maggiormente mi fa stare bene e rende felice. Ho iniziato per la necessità di capire meglio ciò che mi scuoteva dentro. E allora decisi di scrivere, concedermi a un viaggio senza destinazione. Scrivere non è una scelta, è la stessa cosa di innamorarsi, in cui ci si dedica tutti i pensieri, tutto il tempo. É un romanzo d’amore, in cui la protagonista principale è Emma Wilson, una bambina orfana, che dopo tante sofferenze incontrerà il suo vero amore. Un tema rivolto a noi donne contro la violenza sulle donne. Sicuramente mi ha colpito molto la sua più grande forza interiore in se stessa e Il messaggio fondamentale che ho voluto trasmettere è che l’amore non deve conoscere ostacoli.

Attrice teatrale, cantante, giornalista professionista, scrittore, speaker, modella, stilista e organizzatrice di grandi eventi: cosa aggiungerebbe al suo bagaglio esperienziale?

Direi che ci sono ancora sogni a cui credere e di continuare arealizzarli.

Il culto del bello, dall’arte alla natura: conta più essere o apparire?

Entrambi, perché questi sono i valori che appartengono nel culto dell’arte e nella natura.

Ritiene di essere stata avvantaggiata dal suo aspetto fisico nell’affermarsi nei vari campi in cui opera?

Ritengo che sono più che contano i sacrifici e le soddisfazioni per i vari campi in cui opero.

Immaginiamo le sue giornate come frenetiche, come si svolgono?

Lavoro, prove per i prossimi spettacoli, sport e infine casa.

La prossima tappa di una esistenza così dinamica quale sarà?

Un prossimo progetto importante televisivo.

Riesce a trovare spazi adeguati alla sua vita privata?

Non sempre, sono tutti i giorni impegnata, ma non appena ho tempo riesco a concedermi un ritaglio di tempo per me stessa.

Conosce il Molise e Termoli?

No, ma mi piacerebbe molto esserci presto, e magari organizzare un incontro per il mio libro o fare un convegno con altri autori

Patrizia, lei è di Genova: da 8 mesi quasi la sua città è divenuta il simbolo del degrado, dell’incuria, ma anche della speranza e della ricostruzione. Cosa ha significato per lei e per i suoi concittadini la tragedia del Ponte Morandi?

Una tragedia che sicuramente a Genova non dimenticheremo mai. Ci sono state molte vittime, che ha segnato il destino di tutti noi. Con questo dolore, la vita ci ha permesso di restare uniti e donare pace e amore soprattutto di chi ha bisogno.

Un invito ai nostri lettori affinché si incuriosiscano al suo libro.

Leggere apre finestre sconosciute sul mondo, aiuta a conservare i nostri sogni, dà linfa ai sentimenti, fa avvicinare al significato dell'esistenza...