Caperam, l'invito ad aderire al catalogo permanente degli artisti molisani

Cultura
Termoli mercoledì 04 settembre 2019
di La Redazione
Più informazioni su
La presentazione di Caperam
La presentazione di Caperam © Termolionline.it

TERMOLI. Come già illustrato in occasione della presentazione ufficiale di domenica 18 agosto presso la sala consiliare del Comune di Termoli, è avvenuto il lancio ufficiale della piattaforma Caperam (Catalogo Permanente degli Artisti Molisani, www.caperam.it). A presentare il lavoro i due project manager: Antonello Fabio Caterino, professore a contratto di filologia italiana presso l’Università del Molise e il dott. Roberto Cupido, giovane imprenditore particolarmente attivo nell’area di Termoli.

Dopo i saluti istituzionali del presidente del consiglio Michele Marone e dei consiglieri Rinaldi e Sabella, e di Elisabetta di Massa, presidente del Rotary Club di Termoli, Caterino e Cupido hanno passato in rassegna caratteristiche e obiettivi del progetto. Il tutto parte dalla mappatura degli artisti molisani attraverso un “catalogo” online: ogni artista molisano (nato in molise ovvero operante nel nostro territorio) potrà avere, anche gratuitamente, uno spazio digitale su cui caricare biografia, filosofia artistica e una summa dei suoi principali lavori. Pertanto gli artisti sono invitati vivamente ad unirsi al progetto.

Caperam è un portale di digital public humanities, e mette quindi in relazione pubblico, artisti e mondo accademico senza peccare né di eccessivi tecnicismi, né di dilettantismo alcuno, nel segno del connubio tra humanities e computing. Il progetto gode già di numerosi patrocini istituzionali, tra cui la Regione Molise e il Dipartimento di Bioscienze e Territorio dell’Università del Molise. Ma i lavori di Caperam non si limiteranno al catalogo online: è previsto il lancio di una collana editoriale a supporto degli artisti, che conterrà monografie specifiche e cataloghi, nonché una formazione artistica continua di corsi e videocorsi, che prenderà piede in autunno. Il tutto sarà possibile grazie al centro di ricerca “Lo Stilo di Fileta” e all’editore accademico “Al Segno di Fileta”, diretti dallo stesso Caterino, che hanno accolto Caperam tra i loro progetti di ricerca, catalizzandone lo sviluppo e caldeggiandone l’espansione. Il team di ricerca di Caperam, in sintonia con la direzione de “Lo Stilo di Fileta” stanno rispondendo a bandi europei Horizon2020, in modo da poter finanziare le prime fasi del progetto, garantendo così agli artisti servizi impeccabili.

A tal proposito, domenica 8 settembre 2019, dalle ore 19, presso il Victor Mixology Bar a Termoli in via IV novembre 6, avremo l'occasione di vedere riuniti tutti gli artisti Caperam, i membri del comitato scientifico e i partners Caperam. L'invito è esteso a tutti gli artisti molisani e i gli interessati al progetto. Sarà importante conoscersi meglio, confrontarsi e pianificare il nostro futuro artistico e culturale. Idee, collaborazioni, progetti da approfondire. L'arte è progenitrice di civiltà.

E' stato pianificato, inoltre, il calendario di seminari e corsi formativi che si terranno inizialmente a Termoli e successivamente anche a Campobasso e Isernia. I seminari saranno gratuiti, mentre per accedere ai corsi bisognerà sostenere un costo, ad eccezione dei possessori della “tessera artista Caperam” per i quali sarà costo zero. Di seguito i principali corsi pianificati.

  • Scrittura artistica: prosa d'arte e poesia Antonello Fabio Caterino
  • Laboratorio di riciclo creativo – Mariagrazia Colasanto
  • Disegno base e anatomia artistica – Michele D'Aloisio
  • Laboratorio di scrittura creativa e creatività - Carla Di Pardo
  • Educazione alla visione – Lello Muzio
  • Arte e ambiente, come sperimentare un'esperienza creativa site specific – Michele Porsia
  • Progettazione e arredo d'interni – Francesco Santoro

Seminario: sabato 21 settembre 2019, ore 18, presso Aula Magna del Liceo Artistico B. Jacovitti di Termoli. Corso: 23-28 settembre, date e orari da pianificare (iscrizioni

Concludono Caterino e Cupido ribadendo il fine ultimo di Caperam: restituire agli artisti una giusta dimensione professionale e riscoprire le eccellenze e le originalità del territorio molisano. Perché il Molise esiste ed è encomiabile (motto del progetto).