​L’E-Movo art: l’arte molisana sbarca in Spagna

Contaminazioni gio 17 ottobre 2019
Cultura e Società di La Redazione
3min
​L’E-Movo art: l’arte molisana sbarca in Spagna ©Termolionline.it
​L’E-Movo art: l’arte molisana sbarca in Spagna ©Termolionline.it

TERMOLI. Un movimento artistico che è nato in Molise, ma che si sta diffondendo sempre di più con il passare del tempo: stiamo facendo riferimento all’e-Movo Art. Andare alla scoperta del significato che si nasconde, ad esempio, dietro il velo di Maya: questa nuova corrente artistica dà una grande mano a scoprirlo, riuscendo ad arrivare fino ai tratti più intimi del nostro “io” e aiutando le emozioni più inconsce e nascoste ad emergere in tutta la loro intensità. Così, i vari progetti fotografici si trasformano in veri e propri strumenti di indagine e di riflessione: diventano a tutti gli effetti un mezzo per provare a guardarsi dentro e riconoscersi. Un sistema utile anche per andare alla scoperta di tutte quelle paure, ma anche di quei tratti caratteriali che ci spaventano oppure che non siamo mai stati in grado di accettare.

E-Movo Art: dal Molise alla Spagna, che successo!

Un movimento che sta prendendo sempre più piede, partendo dall’Italia per finire in Spagna, anche in virtù del fatto che l’arte non ha alcuna nazionalità. Ed ecco che in anteprima mondiale a Barcellona è stato organizzato, due anni fa, un importante evento dedicato proprio all’e-MOVO Mirr or Art. Difficile trovare migliore luogo migliore della città turistica per eccellenza, Barcellona è da sempre la culla delle avanguardie artistiche non solo spagnole e l’evento in questione sta già calamitando l’attenzione di un gran numero di addetti ai lavori. Sono tante persone che hanno preso parte alla presentazione che si è svolta presso La Virreina, Centre de la Imatge, La Rambla.

A spiegare e a fornire le migliori delucidazioni per comprendere a tutto tondo questo nuovo movimento artistico italiano c’era la giornalista-artista Mina Cappussi. È stata lei, infatti, a prendere la parola davanti alla fitta schiera di persone che hanno partecipato all’evento per spiegare più a fondo il concetto di arte visionaria, che offre la possibilità di fare un percorso decisamente interiore. Le caratteristiche principali di questo nuovo movimento sono tre: apparenza, superficie e immagine. Viviamo in un mondo che è legato in modo notevolmente stretto alla visività: è questo il concetto che il Movimento Artistico ha intenzione di ribaltare. L’obiettivo è quello di provare a riconquistare tutti quegli elementi nascosti, scavando al di sotto della superficie dell’apparenza.

Potrebbero essere proprio tutte queste caratteristiche a catalizzare così tanto l’attenzione, anche dei media, su questo nuovo movimento artistico, non solo entro i confini italiani, ma anche in Spagna. L’interessante sta emergendo come un vero e proprio boom: Mina Cappussi ha approfondito anche il discorso legato alla scoperta di quello che si nasconde dietro il “velo di Maya”. Ha sottolineato come l’arte, in questo caso specifico, ha come fine ultimo quello di trasmettere un senso di seduzione, riuscendo a raggiungere l’inconscio, battendo anche la barriera della razionalità. Tutti i vari sentimenti e aspetti che vengono individuati dai sensi umani sono il frutto di un lavoro di decodificazione che inevitabilmente viene influenzato da tutte le esperienze che si vivono nel corso della propria esistenza.

Si entra più a fondo nella propria intimità

Quindi, l’eA, ovvero e-MOVO Emotional Art, va a incidere direttamente gli aspetti molto più intimi, provando a far riemergere tutte quelle emozioni che la barriera di razionalità aveva sopito fino a quel momento. Uno dei punti di forza di questo movimento artistico è quello di portare le persone a vedere le opere in solitario, senza effettuare alcun tipo di commento, ma godendo del silenzio più totale e assoluto. Ed è proprio in questo modo che le varie opere sono riuscite a raggiungere i sentimenti più profondi.

Un’avanguardia artistica che ha visto la sua “casa” in Molise, ma che adesso sta diffondendosi sempre di più in tutto il continente europeo. Merito senz’altro del grande lavoro che è stato portato avanti da parte di Mina Cappussi, che è uno dei membri fondatori del Manifesto del Metateismo insieme a Foschi ed è stata insignita di un altro riconoscimento molto importante, visto che figura nell’elenco degli Artisti Contemporanei del Nuovo Rinascimento, facendo conoscere la sua arte in tantissimi eventi e iniziative, anche al di fuori dei confini italiani ovviamente.

TermoliOnline.it Testata giornalistica

Reg. Tribunale di Larino N. 02/2007 del 29/08/2007 - Num. iscrizione ROC:30703

Direttore Responsabile: Emanuele Bracone

Editore: MEDIACOMM srl
Via Martiri della Resistenza, 134 - 86039 TERMOLI(CB)
P.Iva 01785180702

© Termolionline.it. 2022 - tutti i diritti riservati.

Realizzato da Studio Weblab

Navigazione