​‘Il filosofo influencer’, successo per l’evento Aut Aut a Termoli

Cultura
sabato 26 settembre 2020
di La Redazione
Più informazioni su
​‘Il filosofo influencer’, successo per l’evento Aut Aut a Termoli
​‘Il filosofo influencer’, successo per l’evento Aut Aut a Termoli © TermoliOnline.it

TERMOLI. ‘Il filosofo influencer’, successo per l’evento Aut Aut a Termoli.

Il pubblico di Termoli ha risposto con vivo entusiasmo all’evento proposto dall’Aut Aut Festival che si è svolto ieri (25 settembre 2020) al lido ‘Il Pirata’ sul lungomare nord.

Tutti le postazioni predisposte per il pubblico sono state occupate velocemente e più di qualcuno si è accontentato di seguire l’evento in piedi dalle terrazze esterne.

Al centro del pomeriggio dedicato alla letteratura è stata l’autrice Simonetta Tassinari, scrittrice di libri, saggi e romanzi, nata a Cattolica ma molisana d’adozione grazie al suo lavori di docente di Filosofia al Liceo Scientifico ‘Romita di Campobasso’.

Ieri l’autrice Tassinari ha presentato all’Aut Aut Festival, in anteprima nazionale il suo ultimo libro ‘Il filosofo influencer. Come togliersi i paraocchi e pensare con la propria testa’. Nel dialogo con la curatrice della rassegna, la giornalista Valentina Fauzia, Simonetta Tassinari ha ripercorso le varie parti del libro: dalla sezione dedicata ad individuare quali sono le persone ed i pensieri che influenzano le nostre vite, fino alla consapevolezza dell’esistenza delle giurie invisibili (parenti, amici, affini) che vincolano i pensieri e le scelte quotidiane di ognuno.

Il libro è anche una sorta di manuale, con tanto di test ed esercizi, per re-imparare a pensare con la propria testa. “Il segreto lo conoscevano già i greci - spiega la Tassinari - ed è quello di fare esercizi quotidiani. Come per i muscoli anche il pensiero va allenato quotidianamente, tagliandosi attimi per sé stessi, meditando, riflettendo sui nostri pensieri. In fondo lo consigliava già Pitagora, che aveva inventato l’esame di coscienza, ripreso poi dai cristiani”.

I ringraziamenti della curatrice sono andati anche ai partner della fortunata rassegna come il fotografo Costanzo D'Angelo e la Libreria Fahreneit, oltre che a Patrizia Parente e Saverio Fraraccio proprietari del Lido 'Il Pirata'.

Tante le domande del pubblico che ha apprezzato come l’autrice ed il format del festival, snello ed informale, consentano di trattare e di portare alla portata di tutti, temi talvolta anche complessi come quello della filosofia.

In chiusura dell’evento la curatrice della rassegna, Valentina Fauzia ha spiegato la nuova modalità dell’Aut Aut festival “Dato il particolare momento che stiamo vivendo a causa del Covid, purtroppo diventa sempre più difficile poter programmare sul lungo termine gli eventi quindi noi dell’Aut Aut abbiamo dato vita al primo ‘guerrilla booking’. Si basa sul guerrilla marketing, una forma di marketing estemporanea ed istantanea che consente di comunicare in modo insolito e rapido ed è così che faremo, soprattutto con le presentazioni dei libri che richiedono organizzazioni meno complesse. Quindi il consiglio è di restare sempre sintonizzati e di seguire costantemente i canali di comunicazione dell’ Aut Aut Festival (la pagina Facebook, il sito www.autautfestival.com, la pagina Instagram ed il canale YouTube) perché lì verranno date, di volta in volta, informazioni sugli eventi a breve termine”.

Simonetta Tassinari ha poi concluso il suo intervento spiegando l’importanza del potere delle parole con la quali ognuno di noi dà forma ai pensieri e, in questi termini, ha sottolineato il suo apprezzamento lo slogan dell’Aut Aut festival ‘La cultura è la cura’.