“Senza te la piazza è vuota”, il ricordo di Michele Trivisonno

Flash News
venerdì 05 marzo 2021
di La Redazione
“Senza te la piazza è vuota”, il ricordo di Michele Trivisonno
“Senza te la piazza è vuota”, il ricordo di Michele Trivisonno © Personale

RIPALIMOSANI. “Sono passati 3 giorni da quell'infausto 2 Marzo e ancora non riesco a metabolizzare che il mio amico, il mio fratello Michele è volato via in un batter d'ali in quel cielo che lui identificava nel cimitero. Che scherzo mi hai combinato amico mio: andare via così, senza avvisarmi, senza salutarmi, senza un abbraccio noi che lo facevamo sempre. Con chi prenderò più il caffè la mattina, a chi offrirò l'immancabile sigaretta quotidiana. Ti ricordi come eri contento quando andavamo in macchina e cantavamo a squarciagola. Ti ricordi la prima volta di quando sei entrato nella porta automatica per entrare in banca. Il tuo sguardo curioso e smarrito. Le risate che ci siamo fatti. E quando imitavi come parlano i cinesi, tutti a ridere. Quanti aneddoti potrei raccontare come quando venivi a casa mia e andavi subito in camera a svegliare a Nando che doveva portarti in cielo (cimitero). Adesso quando esco di casa non guarderò più sotto gli archi per vedere se ci sei, seduto o a passeggio con l'immancabile sigaretta in bocca. Sono passati pochi giorni e già mi manchi. Michele tu eri speciale, l'amico di tutti, un punto di riferimento. La piazza senza di te è ancora più spoglia, vuota. Michele come eri intelligente, una memoria di ferro, ricordavi tutto, particolari di anni e anni addietro. Ti piaceva vestire bene, tutto a riporto. Non doveva finire così. Tutto improvvisamente. Ora hai raggiunto quel cielo che tanto desideravi andare a visitare. Riposa in pace amico mio, fratello. Un giorno ci ritroveremo e avremo la possibilità di riunirci in un forte abbraccio”.

Enzo Bentivoglio