Polizze assicurative e dati commerciali, Telepass sanzionata dall’Antitrust per 2 milioni di euro

Flash News
giovedì 18 marzo 2021
di La Redazione
Più informazioni su
Telepass
Telepass © TermoliOnLine

ROMA. «Telepass Spa e Telepass Broker Spa sono state sanzionate dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato per 2 milioni di euro in seguito a una pratica commerciale scorretta finalizzata alla vendita di polizze assicurative Rc-auto ai clienti titolari degli abbonamenti Telepass Viacard e Telepass Family. Il servizio permette agli utenti di richiedere un preventivo assicurativo e di sottoscrivere un eventuale contratto, servendosi del conto corrente con il quale pagano il canone Telepass».

A renderlo noto l'associazione Konsumer Italia.

«L’Antitrust ha sanzionato le due società per aver condiviso i dati dei propri utenti con compagnie assicurative e con intermediari di assicurazione, senza aver informato gli utenti stessi sull’utilizzo di tali dati per fini commerciali, concludendo così il perfezionamento di una polizza assicurativa.

Si sottolinea che la proposta assicurativa risultava di scarsa trasparenza, in quanto, veniva enfatizzata solo la convenienza economica della polizza e gli utenti non venivano in alcun modo informati che i loro dati erano utilizzati per fini diversi da quelli per i quali erano stati acquisiti.

Inoltre non venivano fornite ai clienti né una chiara informativa sui soggetti fornitori di polizze né le necessarie informazioni sui criteri di selezione dei preventivi

Konsumer Italia è da sempre in prima linea nell’ambito della tutela assicurativa ed evidenza l’importanza delle azioni della società di vigilanza per individuare casi di concorrenza imperfetta.

In merito a questo, Fabrizio Premuti, Presidente di Konsumer Italia, dichiara: “Il sistema studiato da Telepass è un ulteriore asset alla disintermediazione, che non facilita una scelta consapevole da parte dell’utente”.

Konsumer Italia inoltre auspica un intervento più incisivo da parte dell’Ivass, sottolineando ancora una volta l’importanza di innalzare il livello di vigilanza nel settore assicurativo».