Un albero per il futuro: messe a dimora due piantine donate all’Omnicomprensivo di Montenero

Flash News
giovedì 25 novembre 2021
di La Redazione
Più informazioni su
Un albero per il futuro: messe a dimora due piantine donate all’Omnicomprensivo di Montenero
Un albero per il futuro: messe a dimora due piantine donate all’Omnicomprensivo di Montenero © Personale

MONTENERO DI BISACCIA. Sono state messe a dimora nel primo pomeriggio di lunedì 22 novembre presso la zona dei calanchi, le due piantine donate alla Scuola Secondaria di Primo grado dell’Istituto Omnicomprensivo di Montenero di Bisaccia in occasione del progetto nazionale di educazione ambientale, denominato “Un albero per il futuro”, promosso dal Ministero della Transizione Ecologica e dal Raggruppamento Carabinieri Biodiversità, rivolto ai giovani studenti per trasmettere l’importanza della forestazione e della biodiversità.

All’iniziativa erano presenti il sindaco Simona Contucci, la consigliera con delega all’Ambiente Fiorenza Del Borrello che ha coordinato i dettagli organizzativi dell’evento, l’assessore Loredana Dragani, i consiglieri comunali Cabiria Calgione e Antonio Potalivo, il Comandante della Stazione dei Carabinieri Forestali di Petacciato Scalo, Maresciallo Ordinario Cosimo Zotti, il Vice Brigadiere Antonio Mentana, gli studenti delle classi seconde – Sez. A, B e C – della Scuola secondaria di primo grado di Montenero di Bisaccia, accompagnati dai professori Angelo Calgione, Cinzia Abiuso e Valeria Vincelli.

La scelta dei Carabinieri Forestali è ricaduta anche su Montenero di Bisaccia grazie al proficuo rapporto di collaborazione iniziato con l’allora assessore con delega all’Ambiente –oggi sindaco – Simona Contucci, e proseguito anche nel corso di questa consiliatura con l’ottima sinergia avviata con l’attuale consigliera con delega all’Ambiente Fiorenza Del Borrello.

La preferenza nella scelta delle piante è ricaduta su due specie autoctone: il Cerro (Quercus cerris) e la Ginestra dei carbonai (Cytisusscoparius), che ben si adattano a questo territorio. Il progetto prevede inoltre la futura messa a dimora di altri alberi e arbusti.

Al momento della messa a dimora, garantita dall’intervento di un operaio del Comune e dal supporto attivo di due giovani studenti che hanno adagiato le piantine nell’apposita buca scavata nel terreno, il Comandante Zotti ha fornito le informazioni sull’arbusto e sull’albero scelti, oltre che sull’iniziativa che ha visto coinvolti il Ministero, i Carabinieri Forestali, le Scuole e i Comuni. Il sindaco Simona Contucci ha invece lanciato un messaggio importante ai ragazzi, invogliandoli ad amare l’ambiente in cui viviamo, a preservarlo e a prendersi cura degli alberi, che ci garantiscono la vita e l’aria che respiriamo.