Istituto Alfano:Dante,dal testo alla voce

Flash News
sabato 26 maggio 2018
di La Redazione
I ragazzi del Liceo Scientifico Alfano
I ragazzi del Liceo Scientifico Alfano © iissalfano

TERMOLI. Il 30 maggio con la lettura del XXXIV canto dell’Inferno dantesco nella classe III C si conclude al Liceo Scientifico Alfano il progetto « Un attore in classe, Lectura Dantis: inferno» con l’attore regista Sebastiano Nardone.

Iniziato con una lezione d’introduzione alla poesia «Alla scoperta del verso», proseguendo con la scansione e l’interpretazione delle terzine e l’accostamento alla lettura corretta.

La lettura dei canti più significativi della prima cantica del poema dantesco ha visto protagonista l’attore e regista Sebastiano Nardone, che da oltre vent’anni si dedica allo studio e alla diffusione dell’opera dantesca.

Nelle classi partecipanti al progetto, Nardone ha effettuato una lettura neutra, analitica, drammatica ed interpretativa.

« Per soccorrere la parola e renderla viva occorre farla ridiventare evento prima che segno, attraverso la lettura drammatizzata di brani scelti in collaborazione con gli insegnanti.

Per gli allievi un’occasione di incontrare il sommo poeta con la sua voce, sperimentando vari modi di lettura senza esaurire la fruizione letteraria nella dimensione testuale.

Un progetto che mira a rispondere ad una specifica problematica;uno degli allarmi che arriva da insegnanti e presidi riguarda proprio la capacità di lettura degli studenti delle scuole superiori - nota la Dirigente dott.ssa Concetta Rita Niro - spesso compromessa da un’abitudine a una comunicazione veloce, per immagini ».

Il programma si è articolato, in ognuna delle classi, in dodici ore complessive di attività di laboratorio, svolte in classe per un’ora a settimana, nell’orario curricolare delle rispettive docenti di Italiano.

Il progetto, curato all’Alfano dalla prof.ssa Viviana Mucelli, è promosso dalla Fondazione Chieti - Abruzzo e Molise, in collaborazione con l’Associazione Alt Academy, e realizzato grazie al contributo della Fondazione Banco di Napoli.