Guglionesi, pubblico in estasi con la musica popolare napoletana

Flash News
Termoli mercoledì 19 giugno 2019
di La Redazione
Guglionesi, pubblico in estasi con la musica popolare napoletana
Guglionesi, pubblico in estasi con la musica popolare napoletana © termolionline.it

GUGLIONESI. Grande successo per il quartetto "Napulammore", per il concerto del 12 giugno in Largo Santa Chiara a Guglionesi, all'interno delle festività di Sant'Antonio da Padova. In linea con le manifestazioni degli anni precedenti, con cui la Confraternita di Sant'Antonio ha offerto alla cittadinanza occasioni di spettacoli e manifestazioni per sensibilizzare al Bello e agli aspetti belli della vita, il concerto del quartetto ha ripercorso i momenti fondamentali della canzone e della musica napoletana, eseguita e interpretata con ritmi mediterranei e accenti di rumba catalana. Il repertorio si è arricchito, oltre che dei brani più celebri, come 'O sole mio, Reginella, 'O surdato 'nnammurato, Malafemmena, anche di celebri tarantelle e ritmi di tammurriate, oltre che di vivaci, ironici, scanzonati e spensierati brani di Renato Carosone.

Il pubblico si è riappropriato gioiosamente di spazi tradizionalmente di incontro tra le persone, come quello della "piazzetta di S. Chiara", (un tempo mercato del pesce, verdure, etc.) in una piacevole serata d'estate; ha cantato in modo spensierato, con la voglia di divertirsi e di lasciarsi divertire, le più belle melodie (Chella là, Tu vuo' fa l'americano, Guaglione, etc.) della canzone partenopea, ha interagito con i membri del quartetto, creando piacevoli occasioni di sano divertimento. Certamente riuscita la manifestazione, vista la numerosa partecipazione della cittadinanza, che ha riempito la piazzetta e ha apprezzato con lunghi applausi i coinvolgenti e appassionati arrangiamenti dei Napulammore. Numerosi apprezzamenti per il quartetto e per il lavoro della Confraternita sono pervenuti da un pubblico attento e vivace. La manifestazione ha inaugurato un progetto: valorizzare gli splendidi angoli, scorci e luoghi di Guglionesi, rivivificandoli con un popolo in festa, che abbandona per una serata le proprie preoccupazioni e rivive insieme l'emozione per le cose belle della vita.