Nicholas Long, il manager molisano della First National Bank in Pennsylvania

Flash News
Termoli giovedì 10 ottobre 2019
di La Redazione
Greensburg, Pennsylvania
Greensburg, Pennsylvania © Ambasciatori della fame

GILDONE. L'associazione "Ambasciatori della fame" col suo presidente Geremia Mancini ci racconta una nuova curiosità: la storia di Nicholas Long, emigrato da Gildone in Pennsylvania agli albori del secolo scorso.

«Nicholas Long (in realtà Nicola Saverio Longo) nacque a Gildone (CB) in Via Del Forno, il 5 dicembre del 1885, da Angelo Raffaele (quarantasettenne “contadino”) e Filomena Gargiso (“contadina”). Nicola, ragazzo sveglio e determinato, studiò in un Convitto di Campobasso. Ma la vita in Molise, in quegli anni, non era certo facile e offriva poco a chi, come lui, intravedeva altri orizzonti. Così il giovane decise di tentare il “sogno americano”. Era fidanzato con una giovane di Gildone e desiderava di portarla con lui. La ragazza accettò di seguirlo. Si chiamava Maria Battista Giovannitti (era nata a Gildone, il 27 febbraio del 1884, da Nicolangelo e Maria Luigia Rossi). I due si sposarono nel loro paese il 29 ottobre del 1904. Subito dopo partirono per l’America con le loro valigie di cartone.

Nell’inverno del 1904, Nicola e Maria giunsero ad “Ellis Island” a bordo della nave “Prinz Adalbert” (varata nel 1902 finirà silurata e affondata da un sottomarino tedesco nel 1917). I due stabilirono la loro residenza a Greensburg, Contea di Westmoreland, in Pennsylvania. Qui Nicola, oramai per tutti Nicholas, alternando il lavoro allo studio, conseguì il diploma e poi la laurea. Divenne un personaggio autorevole di Greensburg. Intanto ad allietare la vita di Nicholas e Maria erano arrivati 5 figli: Angelo Ralph (in nome del nonno paterno), Lawrence, Nicholas Jr., Dora e Gulietta. Nel 1911, Nicholas, favorì la nascita di un giornale, “La Stella d’Italia”, con l’intento di informare e guidare la popolosa comunità italo-americana. Intanto aveva aperto una Agenzia di viaggio che curava gli arrivi e partenze tra l’Italia e gli Stati Uniti.

Durante la Prima Guerra Mondiale fu membro della United States Draft Board (organo con funzioni che comprendono la registrazione, il rifiuto e la selezione di uomini in età militare fissati dalla legge). Nicholas Long nel 1923 divenne dirigente “manager”, per il Dipartimento Estero, della “First National Bank” di Greensburg. Fu Presidente di varie associazioni e tra queste: “Christopher Columbus Society”, “Amici d’Italia Club” e “America Lodge”. Raggiunta la pensione Nicholas e Maria decisero di trascorrere i loro ultimi anni a Culver City in California. Nicholas Long morì nel 1960. Maria, gli sopravvisse di pochissimo, morì nel 1961. Oggi riposano entrambi nell’Holy Cross Cemetery di Culver City in California».